CERCA NEL BLOG

lunedì 17 giugno 2013

Il manuale di Candy - 1982


L'anime boom andava cavalcato in ogni sua declinazione, ed un bel manualino per le ragazzine dei primi anni 80 non poteva che essere affidato a "tuttelentiggini". Qui Candy si rivolge in prima persona alle giovani lettrici, non cità mai (mi pare, non è che l'abbia letto tutto...) la sua serie, ma cerca di risolvere alcuni loro problemi dovuti all'età, e si sforza di insegnar loro a coltivare qualche passione personale. Il manuale consta di 185 pagine, ne ho scannerizzate quasi 30, quelle, a mio avviso, che meglio evidenziano gli ovvi cambiamenti intercorsi in questi 30 anni.
Oltre al classico giardinaggio, giochi, animali domestici etc ci sono altre piccole rubriche più interessanti, tipo dei consigli su quale scuola frequentare e quale lavoro intraprendere in futuro (cioè 20 anni fa...).
P.S.
Se per qualche incredibille motivo la "Agnese", ex proprietaria di quest manuale (vedi scritta in penna rossa in alto a sinistra), incappasse tra queste pagine e rivolesse il suo manualino di Candy son disponibile ad inviarglielo  ^__^




Qui i vari capitoli in cui è divso il manuale.

















Si sa che le mode cambiano, passano, e poi ritornano. Trovo molto curioso il "E' proibito" e il "E' permesso", in pratica tutt ciò che oggi è permesso nel 1982 era "proibito".
Spesso in questo manuale si cerca di tranquillizzare le ragazze riguardo al loro aspetto fisico e al peso.














Mangiate sano, sarete belle. Ergo non andate da Mc Donalds!
















La secolare lotta coi brufoli, l'unica differenza è che ora la fissa ce l'hano pure i maschi.
















Spesso si fa riferimento ad una tabella con le "misure ideali", che nel manuale non c'è. Le autrici si raccomandano di non dare troppa importanza a questa tabella, le adolescenti cambiano in fretta.
















Secondo me, da queste righe, traspare che la problematica peso (con realtive disfunzioni alimentari) non era così grave ai tempi. La si considerava, ma non era l'unico metro di giudizio per una ragazzina.















Qui il manuale di Candy è un po' menzognero. Oggi portare gli occhiali fa parte della moda, ma ancora nei primi anni 80 l'appellativo di "quattrocchi" era uno sfottò abbastanza temuto. Altro tentativo delle autrici di non far venire complessi alle loro lettrici.














Ecco la parte che ho trovato più interessante: i consigli per la carriera scolastica.
Onesto il discorso immediato sulla voglia o meno di studiare, meglio sbatterlo in faccia subito, se non hai voglia di studiare è inutile frequentare licei.





























Non voler studiare era considerato un'opzione di cui non vergognarsi, meglio guadagnare subito!















Ecco le scuole consigliate ad una ragazza

















Ecco una nuova professione dei primi anni 80.















Questo vale anche oggi.

















Allora la compagnia di bandiera dava lavoro a tanta gente, oggi questa è una carriera da evitare...















Anche il campo pubblicitario era considerato in grande espansione, oggi è in crisi nera... chissà se esistono ancora le figure del "visualizer" e del "copy".















Quante opportunità di lavoro aveva una ragazza nei primi anni 80, aprire un negozio oggi è un atto masochistico, specialmente se si vogliono pagare le tasse.













Oggi rimane il lavoro nella sanità, pubblica o privata (che allora, per fortuna, non esisteva), ma di certo con contratti precari.















Finita la parte sui consigli lavorativi si parla di passatempi, ed in particolari di dischi in vinile.















Qui non capisco perchè non siano considerate altre combinazioni di risposte, se una rispondava BBAAAA? O
















"Non abbandonate i vostri amici!"
Verso Natale molti amici ed amiche di cortile comparivano con un cane, e poi verso luglio il cane o scappava o moriva...















Per la serie "donna vai a stirare", ecco delle brevi istruzioni che farei leggere a qualche amica.
















Il ferro da stiro non è un nemico dell'umanità femminile!

















8000 mila lire!
Agnese, se leggerai queste righe sappi che ti manderò il manuale per 20 euro più spese postali ;)








Nessun commento:

Posta un commento