CERCA NEL BLOG

giovedì 27 maggio 2021

I cartoni animati giapponesi italiani sulla stampa della Svizzera italiana dall'1 gennaio 1977 al 31 dicembre 1986 (35 articoli)


Qualche settimana fa ho trovato l'archivio digitale della biblioteca cantonale di Lugano, in cui sono consultabili numerose testate svizzere in italiano. Tra l'altro il sito è strutturato in maniera molto efficiente, direi svizzera   ^_^
Una volta selezionato un quotidiano e digitata la parola chiave il motore di ricerca individua tutte le pagine interessate, cliccando su ognuna di esse si apre direttamente la pagina del quotidiano, che volendo si può anche scaricare. Inoltre si possono sfogliare direttamente le singole copie. 
Il tutto gratuitamente!
Sarebbe un bel esempio per istituzioni nostrane e per chi mette a punto i siti di consultazione:

La ricerca l'ho effettuata sulle seguenti testate: 
Azione; Gazzetta Ticinese; L'azione; Libera Stampa; Eco di Locarno; Giornale del Popolo; Illustrazione Ticinese; Popolo e Libertà

Chiaramente non saprei dire quale tiratura e autorevolezza avessero nella società elvetica italiana dal 1977 al 1987 (decade in cui ho effettuato la ricerca) le testate che ho trovato, ma resta anche questo un riflesso, non da poco, del successo rivoluzionario dei cartoni animati giapponesi in Italia e nella Svizzera Italiana(!).
Già sapevo che Goldrake era apprezzato anche da loro, non per nulla allestivano carri per il Carnevale a tema "Atlas Ufo Robot", ma pensavo fosse un qualcosa di occasionale.
I nostri coetanei italosvizzeri, o svizzeroitalici, guardavano anch'essi i nostri stessi cartoni animati giapponesi, visto che come il segnale della TSI varcava il confine territoriale e vagava per la penisola, aiutato da vari ripetitori (link 1 + link 2), il segnale delle nostre tv locali e della Rai giungeva fino nel Canton Ticino.
In un caso, però, furono gli svizzeri a farci dono in prima visione di una serie animata, Starblazers, infatti sui loro quotidiani vi è traccia delle prime puntate.
I giornalisti svizzero-italiani leggevano delle polemiche sorte nel nostro paese e le riportavano, in misura minore, sui loro quotidiani, venivano citati gli stessi esperti nostrani, i medesimi studi scientifici, le lettere alle redazioni italiane e addirittura i genitori di Imola.
Almeno in un caso ho trovato un riciclone di un articolo che in Italia apparve nel dicembre del 1979 pubblicato un po' modificato nel 1981.
I toni, seppur meno accalorati, restavano negativi, non si arrivò mai ai livelli da caccia alle streghe che possiamo leggere nell'Emeroteca Anime e neppure vennero pubblicati un numero di articoli simili ai nostri (link 3), ma i 35 scritti che ho selezionato rendono una buona idea di come e quanto i giornalisti svizzeri vennero influenzati dalla campagna anti-anime italiana.
Nella prima edizione di "C'era una volta Goldrake" si narra dell'attenzione della carta stampata francese per gli anime, e nella prossima nuova edizione ci sarà maggiore spazio a questo tema, io stesso ho postato un articolo francese, "La folie Goldorak", ma articoli esteri in italiano rendono più direttamente l'idea.




Leggendo ogni singolo articolo svizzero-italiano tutto si concatena, i pezzi del puzzle informativo vanno al loro posto con i pezzi nostrani.
Nell'elenco che si può leggere più sotto ho inserito anche trafiletti minimali, per rendere l'idea di quale fosse l'opinione generale. 
Ho scoperto che anche i nostri coetanei svizzeri andavano al cinema a vedere Goldrake, Heidi, Capitan Harlock e Mazinga. 
Ascoltavano le nostre stesse sigle dei cartoni animati giapponesi. 
Disegnavano come noi i supereroi nipponici. 
I giornalisti storpiavano i nomi dei personaggi del Sol Levante.
In pratica tutto come da noi, ma in versione più contenuta
Ho quindi fatto due collage esemplificativi dove si possono leggere alcuni titoli, i cui argomenti sono simili a quelli italiani.

Nella prima immagine in alto a sinistra del primo collage (di 5 pagine) si vede Maria Fleed, lo scandalo nascerebbe dal fatto che i bambini svizzeri sapevano chi fosse Mazinga, ma magari non avevano mai visto un bruco. Un po' esagerati... e comunque, nel caso, mica sarebbe stata colpa dei cartoni animati citati.
Poi si analizza il fascino perverso dei fumetti a tema robotico nipponico.
L'articolo sulla serie di Heidi ne rivendica la paternità elvetica, senza manco averne vista una puntata (ammesso dal giornalista).
Anche in Svizzera si diede colpa ai supereroi quando un povero bambini morì in un incidente, tra l'altro negli Usa, ma Goldrake andava citato lo stesso...   >_< 
Infine i cartoni animati giapponesi ci telecomandavano tramite il telecomando, anch'essa una polemica ben presente in Italia.
Il secondo collage è formato da quattro pagine:
"Pericolo giallo" è l'articolo riproposto con qualche modifica dopo più di un anno dalla pubblicazione in Italia.
"Processo a Mazinga" penso non necessiti di spiegazioni, ma rende bene quale potesse essere la sentenza finale  :]
I due sotto sono sull'accoppiata funesta tv e cartoni animati giapponesi.

Chiaramente non inserirò questi 35 articoli stranieri nell'indice dell'Emeroteca Anime, ma vanno considerati collaterali, visto che sono in italiano, ogni tanto ne posterò qualcuno:

"Actarus" - "Giornale del Popolo" 10 luglio 1978 (disco)

"Le parabole amare del cinema di fantascienza  - "Azione" 27 luglio 1978 (festival Trieste "Corazzata spaziale Yamato")

"Il successo di Heidi", di Guido L. Luzzato - "Libera Stampa" 8 agosto 1978

"Heidi non è più un cartone animato", di T. S. - "Gazzetta Ticinese" 18 agosto 1978

Al cinema i film animati di Heidi - "Gazzetta Ticinese" 22 novembre 1978

"Goldrake addio" - "Azione" 18 gennaio 1979 

Carnevale Bellinzona carro Goldrake della trasmissione della TSI - "Giornale del Popolo 26 febbraio 1979 Il carro di carnevale di Goldrake nella Svizzera italiana (1979) - RSI Teche (pagina FB)

"Disco d'oro per la sigla televisiva di Atlas Ufo Robot" - "Giornale del Popolo" 3 marzo 1979

"Ufo Robot in 33 giri" - "Giornale del Popolo" 12 marzo 1979

"La violenza come gioco", di R.A.R. - "Libera Stampa" 19 aprile 1979

Al cinema i film di Goldrake - "Libera Stampa" 27 aprile 1979

Al cinema il film di Goldrake - "Libera Stampa" 2 novembre 1979

Locandina film "Goldrake addio" - "Eco di Locarno" 15 dicembre 1979

Annuncio successo Goldrake in tv - "Gazzetta Ticinese" 17 gennaio 1980

"Goldrake l'invincibile" al cinema Iride" - "Giornale del Popolo" 14 febbraio 1980

"I mostri" - "Azione" 27 marzo 1980



"I fumetti: Mazinga e altri", di Franco Brevini - "Libera Stampa" 14 giugno 1980


"Quali alternative all'intossicazione da TV" - "Giornale del Popolo" 5 gennaio 1981

"La violenza nei film per ragazzi", di Vittorio Ottino - "Giornale del Popolo" 19 febbraio 1981

"Il pericolo giallo", di Gianfranco de Turris - "Gazzetta Ticinese" 12 marzo 1981 (replica 26 dicembre 1979)

"Lanciato un concorso-disegno per la creazione di una diapositiva" - "Giornale del Popolo" 7 aprile 1981

"Il rito Mazinga" - "Giornale del Popolo" 26 ottobre 1981 

"La TV dei minorenni" - "Azione" 21 gennaio 1982

"La minitelevisione" - "Azione" 4 marzo 1982

"Il Cuore made in Japan", di MB - "Eco di Locarno" 29 maggio 1982

"Il bisogno del mito", di Andrea Giacobino - "Giornale del Popolo" 6luglio 1982

"C'è anche qualche bambino che non sa cos'è un bruco", di Mario Relandini - "Libera Stampa" 22 settembre 1982 

"Schiacci il bottone per sfuggire Goldrake e ti scontri di sicuro con Mazinga e Tekkam" - "Giornale del Popolo" 25 settembre 1982


"Quei sogni manipolati col telecomando", di Paolo Della Sala - "Libera Stampa" 8 febbraio 1984

"Cosa sta dietro quei colorati cartoni sempre in movimento?" - "Eco di Locarno" 19 gennaio 1985

"Il riflesso del riflusso", di Bruno Giussani - "Giornale del Popolo" 21 gennaio 1986


6 commenti:

  1. Beh bisognerebbe sapere cosa ne pensassero gli svizzeri tedeschi e quelli francesi. Mi pare abbastanza ovvio che quelli del Canton Ticino la pensassero come i vicini italiani ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo Nicora si è occupato del campo francese a tema Goldorak, bisognerebbe che qualcuno si occupasse della spagna, visto che con l'Italia furono i 3 mercati televisivi con più animazione nipponica.
      Alla fine confrontare le razioni nelle tre nazioni.

      Elimina
  2. Anche io ho scoperto solo nelle ultime settimane questo interessante archivio giornalistico svizzero: ci ero arrivato per caso, perché cercavo notizie legate ad alcuni video presenti nelle Teche RSI. Ti segnalo, non so se lo hai mai citato, questo spezzone del '78 relativo ai giocattoli.

    RispondiElimina
  3. Non ha preso il link, ci riprovo: https://www.rsi.ch/play/tv/-/video/giocattoli?urn=urn:rsi:video:13749964

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai tempi avevo scaricato da Youtube la versione lunga dello stesso video, da 5 minuti.

      Elimina