CERCA NEL BLOG

venerdì 16 marzo 2018

"Kimba il leone bianco": il primo anime "shonen" trasmesso in Italia, ben 6 mesi prima di "Atlas Ufo Robot" (8 ottobre 1977)



(l'immagine sopra è del libro Anime al cinema, storia del cinema d’animazione giapponese dal 1917 al 1995 )

Premessa.
Le serie animate disegnate dai giapponesi dei "Barbapapà" e di "Vicky il vichingo" arrivarono da noi nel 1976, ergo dal mero punto di vista cronologico esse sono le prime serie televisive sbarcate in Italia.
Nel febbraio 1978 arrivò Heidi sulla Rete 1 della Rai, ma, a parte i nomi degli autori nipponici nella sigla, non poteva essere immediatamente chiaro che fosse una serie di matrice giapponese, però aveva contenuti più complessi ed una trama seriale.
Poi il 4 aprile 1978 venne trasmesso "Atlas Ufo Robot", che a differenza dei tre di cui sopra, era chiaramente una serie giapponese, oltre che con una trama non auto conclusiva e contenuti non per bambini piccoli.
Ma, del tutto casualmente, ho scoperto che molto prima di "Atlas Ufo Robot" arrivò su diverse televisioni locali private un'altra seria animata con un contenuto più serio, cioè "Kimba il leone bianco"!
Per ora, andando a ritroso, sono giunto fino alla data del 8 ottobre 1977, dove il Kimba di Tezuka era trasmesso da una tv fiorentina, "TVC Canale 48".
C'è da dire che l'anime di Kimba non era ambientato in Giappone, e chissà se in quelle prime trasmissioni erano accreditati degli autori giapponesi nella sigla iniziale e finale. Riguardo alla sigla nasce un altro dubbio, quale fu la sigla di questa prima messa in onda?
Di certo non quella dei "Cavalieri del re"...

Edit del 29 marzo 2018:
Facendo ricerche sul web ho scovato la sigla che gli americani avevano appioppato a "Kimba il leone bianco", ovvero "Kimba the white lion"!
Ed è indubbiamente la prima sigla di Kimba che ascoltai in tv!
L'avevo completamente rimossa!
Quindi quella che vidi alla fine degli anni 70 era già la versione statunitense di Kimba, di cui si può leggere in questi TV Sorrisi e Canzoni del 1977.





In questo post ho voluto riunire tutti i palinsesti di "TV Sorrisi e Canzoni" in cui compare "cartone animato Kimba" o "cartone animato Kimba il leone bianco", che sono le due dicitura che si possono riscontrare nelle riviste.
La prima volta che ho scovato Kimba sulle tv locali fu sul "TV Sorrisi e Canzoni n° 14 del 2 aprile 1978", la settima dell'esordio di "Atlas Ufo Robot" sulla Rai. Poi, man mano, ne ho trovato tracce sempre più indietro nel tempo, fino ad arrivare, per ora, a questo ottobre 1977.





Di certo, fino a quando altri ritrovamenti documentali smentiranno questa pagina del numero 40 di  "TV Sorrisi e  Canzoni" anno 1977, "Kimba il leone bianco" è la prima serie animata trasmessa dalle tv locali private, e comunque anticipò Goldrake addirittura (per ora) di 6 mesi!
Tra l'altro, come si potrà vedere più sotto, era trasmesso a colori, quindi i fortunati possessori di un televisore di nuova generazione,  godettero in anteprima della maestria animata dei disegnatori nipponici, ben quattro mesi prima di Heidi.
Prima di mostrare le scan dei vari "TV Sorrisi e Canzoni", mi affiderò ad alcuni scritti sull'animazione nipponica per cercare di collocare storicamente le due serie dell'anime di "Janguru Taitei" (Kimba il leone bianco).
Sarebbe bello capire quale delle due venne trasmessa nel 1977, probabilmente la prima.
Le emittenti private locali che mandarono in onda Kimba erano dislocate in tutta Italia (Lombardia, Toscana e Lazio), e capitava che venisse trasmesso anche da due tv contemporaneamente. Chissà se qualcuno ne ha memoria. Non solo c'è l'anime di Kimba, ma venivano anche trasmessi lungometraggi animati nipponici, come "Il gatto con gli Stivali" e "Leo il re della jungla".



 Dal libro Anime in tv, storia degli anime prodotti per la televisione.




  Dal libro Anime in tv, storia degli anime prodotti per la televisione.


  Dal libro Anime in tv, storia degli anime prodotti per la televisione.





Dal libro Storia dell'animazione giapponese. Autori, arte, industria, successo dal 1917 a oggi




La settima in cui sulla Rai venne trasmesso per la prima volta Goldrake, sulle tv locali c'era già Kimba, addirittura da due emittenti contemporaneamente.






Poi c'è il numero di "TV Sorrisi e Canzoni" del novembre 1977, che pensavo mostrasse la trasmissione più datata di Kimba:
TV Sorrisi e Canzoni N° 44 dal 30 ottobre al 5 novembre 1977 - "Guerre Stellari", di Paola Dessy + il primo anime trasmesso in Italia: "Kimba il leone bianco"!







Molto interessante il numero 41 di "TV Sorrisi e Canzoni" dell'ottobre 1977, dove, oltre a "Kimba il leone bianco", trasmesso sia dalla tv (penso romana) GBR e dal canale Telemare, in palinsesto c'è anche il primo lungometraggio de "Il gatto con gli stivali". A dimostrazione che sprazzi di animazione giapponese, anche di qualità, era presenti sugli schermi italiani abbastanza regolarmente fin dall'autunno 1977.
Da notare che Kimba veniva trasmesso da GBR tre volte alla settimana, lunedì, mercoledì e venerdì. Quindi era un appuntamento regolare per i piccoli telespettatori romani, non fungeva da tappabuchi del palinsesto.
Un'altra televisione, penso del Lazio, trasmetteva, invece, film d'animazione giapponese, era Telespettacular, nome singolare e palinsesti telespettacolari.
Praticamente nella settima da lunedì 10 ottobre a venerdì 14 1977, ogni giorno nel Lazio c'era animazione nipponica!










Basandomi sulle informazioni dei libri postati sopra, direi che l'anno del film "Leo il re della jungla" è errato




Concludo la rassegna stampa con il numero che ho postato all'inizio, quello che attualmente è il vecchio con Kimba nei programmi.




8 commenti:

  1. Eppure a me sembra di ricordare che ancora prima furono trasmessi dalla Rai dei cartoni giapponesi senza personaggio fisso, ma riconducibili a racconti fiabeschi.
    Ma mi potrei anche sbagliare, è solo a livello di sensazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto in più saggi che la Rai mandò in onda alcuni lungometraggi animati giapponesi nei primi anni 70, ma non credo serie animate seriali. Mi pare che i film furono uno o due di quelli che la Dynit ora si sta accingendo a pubblicae nei Classici Toei. La prima serie animata furono i Barbapapà, risevata ai bambini più piccoli, poi Vicky, anch'esso per i più piccoli.
      Il genere di trasmissione a cui ti riferisci arrivò di certo negli anni 80, non ho presente se ci fu qualche anteprima nei primi anni 70.
      A forza di spulciare riviste tv, troverò qualcosa ;)

      Elimina
  2. Kimba fu forse il primo cartone animato giapponese ad essere stato pubblicato in Betamax, per la distribuzione commerciale. Ti parlo del 1976-1977. E molto probabilmente fu pubblicato senza autorizzazione da parte dei giapponesi. All'epoca era una cosa comune da parte delle prime emittenti locali trasmettere film o serie distribuite in Betamax, nessuno controllava sui diritti. E' probabile che sia stato trasmesso senza una distribuzione ufficiale, semplicemente perché era disponibile in quel formato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà quale sigla venne usata per questa prima trasmissione di Kimba il leone bianco.
      Perché la questione della sigla sarebbe fondamentale per capire se il cartone animato potesse essere facilmente identificabile come "giapponese", il che lo farebbe assurgere al primo anime arrivato in Italia.
      Mentre se avesse avuto una sigla solo musicale, allora sarebbe potuto passare per un cartone senza nazionalità precisa, visto che la storia non è ambientata in Giappone.
      Sarebbe bello anche poter sapere se nei titoli fossero presenti gli autori nipponici, stesso motivo.
      Ma entrambi i miei due dubbi resteranno tali T_T

      Elimina
    2. Io credo che la sigla italiana fu aggiunta dopo, quando il cartone fu distribuito "legalmente" per la trasmissione. La cassetta Betamax di cui io sono a conoscenza e che probabilmente risale al 1976 era doppiata in italiano, e sono quasi sicuro che non si trattasse del lungometraggio ma di una manciata di episodi e sinceramente non ricordo se i titoli fossero in giapponese.

      Elimina
    3. Ho guardato un po' in giro su internet, sembra che l'edizione che circolava nel 1977 fosse "americana", quindi è da escludere che i titoli fossero in giapponese. Io escludo che all'epoca il cartone fosse identificabile come giapponese. C'e' però da dire che una manciata di episodi della prima serie sembra siano stati importati gia verso la fine degli anni 60 per un film di montaggio da distribuire nelle sale, e sembra che un lungometraggio di Kimba fosse stato presentato e premiato al Festival del Cinema di Venezia negli anni 60. Se é vero che degli episodi siano stati acquistati per "incollare" un film per le sale, si tratterebbe della prima serie giapponese in assoluto ad essere stata importata in Italia, un decennio prima di barbapapa. Grazie per il tuo blog e per le tue curiositá, che sono un po' anche le mie.

      Elimina
    4. Grazie a te per i complimenti e per le informazioni ;)

      Riguardo al film di Kimba nato dalla serie, ho messo una pagina del libro di Tavassi che ne accenna ;)
      E nei palinsesti del 13 ottobre 1977 c'è anche il film "Leo il redella giungla" (su Telespettacular), che è proprio quel film di montaggio della serie nipponica. Quindi non credo che le puntate siano quelle estrapolate dal film, perché il film veniva già trasmesso in tv.

      Elimina
    5. Anthony Bannato!!!
      Cercando info a caso sul web sono finito su Youtube, e ho trovato la sigla statunitense della prima serie di Kimba, ripresa da una vecchia VHS.
      Quando ho ascoltato la musica ho avuto un flash mnemonico:
      era la prima sigla che ascoltai da bambino!!!

      I Cavalieri del re arrivarono dopo!

      Quindi la primissima serie che vidi alla fine degli anni 70 era quella che ho scovato su questi TV Sorrisi e Canzoni!!!
      Ed è chiaramente di matrice anglosassone, senza crediti nipponici:

      https://www.youtube.com/watch?v=VEsvi5rytMI

      Elimina