CERCA NEL BLOG

lunedì 15 aprile 2019

"Lupin III - Il Film" Natale 1979 + "Dal Giappone cartone birichino", di P.P. - "Il Secolo XIX" 17 febbraio 1980



L'immagine sopra è presa da "Cinema D'oggi" del 20 dicembre 1979 (pag 3)

Guardando il Documentario "Lupin III - Tutta la Storia" (versione lunga, 2015) ho scoperto che nel Natale 1979 venne proiettato il primo lungometraggio animato di Lupin III:
Lupin III - La pietra della saggezza

Infatti alla fine del documentario (ad un'ora 24 minuti e 50 secondi) visibile al primo link, c'è un piccola chicca dell'inverno 1979, in cui, durante la trasmissione Rai "Trentaminuti" una ragazza annunciava il film per poi lanciare il trailer.
Se avessi visto quella trasmissione, sarei di certo andato a vedermi il film, o meglio, avrei di certo chiesto a mia madre o a mia nonna di portarmi in centro a Milano per vederlo.
Peccato che il film non fosse del tutto adatto al mio target di età, come non lo era la serie animata con la giacca verde che guardavo su "Antenna Nord"...



Immagino la perplessità degli adulti che accompagnarono figli e/o nipotini nel vedere Fujiko, in un sensuale abito aderente di pelle nera, presa a frustate e rimanere posteriormente ignuda   ^_^
Però nel trailer mandato in onda dalla Rai durante "Trentaminuti" c'era pure questa scena!
Ho trovato assai sorprendente che la Rai non solo mandasse in onda un trailer di un film la cui serie animata era trasmessa dalle televisioni locali, ma che non tagliasse la scena dell'impiccagione di Lupin e di Fujiko frustata e denudata.
Probabilmente il funzionario Rai addetto alla censura si era distratto, o forse non immaginava che in un cartone animato potessero esserci certi contenuti.
Quello di Lupin III, il "Fantaeroe del 1980", era proprio il classico film disneyano natalizio  ^_^
Dal Giappone era arrivato proprio un cartoon birichino!


Così era titolata la recensione che si può leggere su "Il Secolo XIX" del 17 febbraio 1980, che addirittura presentava il nome giusto del regista (Soji Yoshikawa), peccato che quello dell'autore del soggetto originale era un pelino differente, invece di Monkey Punch un Monkey Plunk...   ^_^
Monkey Plunk Cake?   :]
A parte questi errori, la recensione è totalmente positiva!
"Ambizioso, mosso ed elegante cartoon".

"Un condensato abbastanza spiritoso, con punte ironiche anche pungenti, e risolto, graficamente, con un'astuta modernità di stile e una notevole tecnica d'animazione".
Seguono solo apprezzamenti, che terminano con un "in complesso, dunque, uno spettacolo a disegni animati su una linea piuttosto nuova e non priva di interesse".
Il titolo dell'articolo considerava il lungometraggio animato birichino in quanto "il film strizza anche l'occhio alla componente sexy (non è, insomma, una favoletta proprio innocente) ma lo fa senza cadute di gusto, tentando una mediazione tra cartoon per bambini e cartoon per adulti.".
Quindi anche il giudizio del lato osé del film era positivo.
E' questa l'unica recensione che ad ora reperito del primo film di Lupin III arrivato nelle sale italiane.



 Rimetto lo scritto un po' più in grande.




Il 17 febbraio 1980 il film di Lupin III a Genova si poteva vedere nei cinema Palazzo e Ambassador, che regalavano la macchinina di Lupin III oppure il disco di "Planet O"!
Infatti gli adattatori del film sostituirono, direi saggiamente, le colonne originali giapponesi di apertura e chiusura con la sigla della serie animata di Lupin con la giacca verde.



La ragazza, oltre ad essere assai impacciata, annuncia che il film sarà nelle sale per il Natale 1979, e legge il solito vaneggiamento sui cartoni animati fatti al computer!
Da notare che siamo nell'autunno o inverno (la data della clip non è specificata) del 1979, e la fake news sui cartoni animati fatti al computer è già così radicata da essere detta tranquillamente in un programma Rai...
"La tecnica usata per creare le azioni del personaggio e l'ambiente intorno a lui, è frutto di un complicatissimo computer, che farà un effetto schermografico mai conosciuto, e che mai conosceremo, perché i produttori di questo film sono talmente gelosi di questo segreto, che non ce lo faranno sapere"

Un complicatissimo computer!!!
Perché, ci sono anche i semplicissimi computer? Un Vic 20?
E non sapremo mai nulla su questo segreto tecnologico perché i giapponesi sono gelosi!  T_T
Oppure perché non esisteva?


Alcuni fotogrammi del trailer mandato in onda dalla Rai, tra cui l'impiccagione di Lupin e Fujiko frustata fino alla nudità integrale posteriore   :]


10 commenti:

  1. Quando ho tempo gurado il documentario. Ma la scena di Fujiko merita tutta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fujiko merita sempre, specialmente se vestita in pelle e nera e discinta ^_^

      Elimina
  2. Comunque la ragazza per me ha fatto carriera nella tv (non è sarcasmo ;) ). Era impacciata sì, ma dai , era emozionata chi non lo sarebbe stato :D
    Forse quelli della Rai sapevamo benissimo di cosa si trattava con Lupin e hanno mandato in onda lo stesso quelle scene. Ogni tanto penso che in Rai ci fossero dei sabotatori ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poverina, si certo, sarei stato impacciato pure io. Oggi è più facile avere i 15 minuti di notorietà, ma nel 1979...
      Non lo so, per me è più facile che non immaginassero che in un trailer di un cartone animato ci potesse essere una Fujiko ^_^

      Elimina
  3. La Rai non aveva molta coerenza, era come fosse una una struttra divisa in tante redazionirivolte ai vari programmi dove ognuna faceva quella che gli pare.
    basti pensare che già nel 1980 ( o 81 ? ) trasmise a Natale l'anime " le avventure di Bandar", che aveva le sue belle scene di nudo femminile con tanto di capezzoli , o nel 91 trasmise su RaI 2 niente meno che Hevy Metal , altro cartone non proprio per bimbi.
    Alla Rai c'erano molti amanti dei fumetti, quelli adulti, come il Zanard, Ranxerox, o Corto Maltese.
    Lupin piaceva perché ricordava evidentemente quel tipo di fumetto provocatorio e un pò sexy che andava a quei tempi.
    Curiosa il poster del film, che era l'originale nipponico ma con il viso ridisegnato per renderlo somigliante a quello dell' anime ( usato anche per la copertina del disco )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho controllato, "Le avventure di Bandar" il 25 dicembre 1980 ^_^

      Elimina
    2. Avevo già postato la domanda su quale film avesse fatto vedere la Rai in quel Natale del 1980, dove si vedevano nudi femminili... io non ricordavo il titolo, ma mi avevi risposto che era quello, ed effettivamente doveva essere proprio quello! :D

      Elimina
    3. E lo trovi pure completo su You Tube

      Elimina
  4. Molto interessante, chissà poi perché si spingeva spesso su questo tema del disegno fatto al computer. Una sorta scusa/motivazione per giustificare lo stile diverso per le animazioni e storie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo giornalista che scrisse, fin dal loro esordio, degli anime fatti al computer fu Paolo Cucco.
      Mi sono chiesto più volte da dove prese questa assurda idea, che poi venne ripetuta a pappagallo dalla gran parte dei giornalisti.
      Al link sotto puoi leggere forse la fonte di Cucco:

      https://imagorecensio.blogspot.com/2018/11/topolino-e-poi-cinema-danimazione-dal.html

      Poi resta da capire perché i suoi colleghi, gran parte di loro, la ripeterono anche se era ridicola, ma qui si entra nei problemi atavici del giornalismo italiano :]

      Elimina