CERCA NEL BLOG

venerdì 26 luglio 2013

Io sono l'Uomo Ragno - Luciano Secchi - Editoriale Corno (1978)



I miei coetanei ricordaranno di certo con piacere le pubblicazioni dell'Editoriale Corno, che negli anni 70 e 80 stampava i fumetti della Marvel in Italia.
Grazie a questa casa editrice di Milano (se non sbaglio) entrai in contatto con l'universo supereroistico Marvel, la Corno non si limitava a pubblicare i singoli fumetti (che posterò prossimamente), ma pubblicava queste guide sui personaggi principali. E non v'è dubbio che l'arrampicamuri fose la stella incontrasta anche per i bambini/ragazzi del periodo.
Personalmente gli eroi Marvel arrivarono prima di quelli nipponici, ma i secondi soppiantarono i primi. Solo nelgi ultimi 15 anni ho potuto rivalutare quesi fumetti, e trovare questi libri/guida veramente unici (in mio possesso ci sono altri 2 libri).
Ultima nota riguarda l'autore di questa pubblicazione, ma anche degli altri due libri, che fu Luciano Secchi, alias Max Bunker.




Bei tempi quando si chiamava l'Uomo Ragno, e non Spiderman, chi è costui?

















Quella di queste pagine dovrebbero essere le prime analisi italiane sui personaggi Marvel.

















Per quanto mi riguarda penso che anch'io venni a conoscenza dell'Uomo Ragno grazie alla trasmissione tv per ragazzi "SuperGulp", pitra miliare dei cartoni in tv.








Di seguito la storia e l'analisi sull'Uomo Ragno che scrisse Luciano Secchi.






E qui una breve biografia di Stan Lee.






All'interno del libro, che contiene, oltre agli approfndimenti di Secchi, alcuni numeri dei fumetti di Spiderman... dell'Uomo Ragno, ci sono queste tavole auto ironiche sulla creazione e sulle consegne dei disegni in tempo per la pubblicazione. Trovo molto interessante questa mini storia, perchè un giovane lettore dell'epoca poteva così capire che un fumetto, oltre ad essere un fumetto, era un'opera creata da più persone, e iniziare a conoscere questi autori.






Le storie contenute nel libro/guida.



Ed ecco nello specifico i super poteri del tessiragnatele.





Da bambino stravedevo per il numero dell'Uomo Ragno Gigante della Editoriale Corno in cui era proposta questa spiegazione "scientifica". Specialmente nel vedere Thor, Hulk e la Cosa ammirare il mio supereroe preferito!






Altro che dimostrazione!


Mi pare che questa scena sia stata riproposta pari pari nel nuovo recente film su Spiderman.


Lo spararagmatele era proprio un figata, per fortuna che nel nuovo film lo hanno inserito. Quando andai a vedere il primo film di Spiderman nel 2002 rimasi scandalizzato, e un po' schifato(...), dalle ragnatele che uscivano dall polso.




Averli avuti da bambino, ma anche da adulto, i sensi di ragno. Al massimo mi vengono i sensi di colpa...





Fine.


Nessun commento:

Posta un commento