CERCA NEL BLOG

domenica 24 novembre 2013

Ufo Shado - Album figurine Panini 1973



Solo chi ha visto questo telefilm da bambino/ragazzo può capire quanto colpì l'immaginazione del giovane spettatore. Trasmesso dalla Rai agli inizi degli anni 70 anticipò Guerre Stellari nell'avvicinare i bambini degli anni 70 alla fantascienza, specialmente a rapportarsi con gli alieni, che ai tempi era sempre "brutti e cattivi".
Il telefilm durò purtroppo una sola stagione, lasciandolo senza il finale (gli autori avevano deciso di sostituirlo con "Spazio 1999"), però non mancarono i giocattoli ispirati alla serie, e non poteva mancare l'album delle figu!

Per compendio mi pare d'obbligo mettere la bella sigla d'apertura.


       


L'album della Panini presenta otto episodi della serie, rispettosi della trama, ma in un rodine cronologico differente.




Per un bambino di allora certi termini, come computer (ma anche Skydiver!), necessitavano di ovvia spiegazione, non essendo ancora entrati nel lessico comune.



I protagonisti.




La tenentessa Ellis era proprio un bijoux!



Ecco il satellite che intercettava il segnale radar degli Ufo, da notare che nella serie tv all'inizio ha una voce sintetica verosimile, dopo le prime puntata questa voce è sostituita con quella dell'attore Renzo Montagnani, che allora non mi creava problemi, ma quando l'ho rivista da grande faceva perdere ogni autorevolezza scientifica al computer di bordo... 





Prima storia, che coincide con la prima del telefilm.




Ma quanto è bello questo ufo?!



Arriva il belloccio della serie, il colonnello Foster.






La discesa nello scivolo dei piloti per entrare nell'abitacolo degli intercettori lunari (ma anche di quello sottomarino) era una vera figata. Considerando che la serie ebbe un grande successo in Giappone azzardo l'ipotesi che la scena simile in Goldrake, in cui Actarus entra in uno scivolo per raggiungere il robot, sia stata presa da Ufo Shado.



Dal 45esimo secondo c'è la scena della scan qua sopra.


                        


E qui la scena in Goldrake, direi identiche.


                         


Ma torniamo all'album delle figu.





Il mitico comandante Stryker!







Troppo belle le pagine con un riquadro 4X4.



Tutti i mezzi della Shado era fighissimi, ma il sottomarino che lanciava l'intercettore era il più fighissimo.








Gli alieni erano veramente inquitanti. La tuta spaziale tutta rossa poteva essere una metafora politica anti comunista?



Sinceramente non ricordo questo mezzo alieno(?) tra quelli delle puntate.



6 commenti:

  1. chissà com'è figo il proprietario dell'album ^^

    RispondiElimina
  2. Non tantissimo, sono io il proprietario dell'album :]

    RispondiElimina
  3. Molte grazie per aver scannerizato questa cosa fantastica. Io l'avevo (non completo) ma è finito disperso (insieme a quello di Nick carter e di Sandokan). Ufo lo amo anche più di Spazio 1999, quando ne rivedo qualche puntata ... ho di nuovo 10 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, scopo finale del blog è proprio quelo di far rivivere un piccolo tuffo al cuore ricordando il passato ;) Qualche volta ci riesco.
      Probabilmente siamo affezionati di più ad Ufo Shado perchè fu il primo telefilm di fantascienza. Strano, inquietante, inconcluso...

      Elimina
  4. Ho lo stesso album, ma con meno figurine :-)
    In compenso, ho il primo box originale dei dvd della serie, con dentro 2 fotogrammi tratti dal telefilm e gli autografi originali fatti col pennarello dai 2 attori principali: Ed Bishop (Straker) e Michael Billington (Foster). Da grande mi sono vendicato :-) Grazie a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, è lo scopo del blog, oltre a recensire qualche libro. :]

      Elimina