CERCA NEL BLOG

lunedì 9 luglio 2018

"Super Giocattoli GDG La Giraffa 1979/80"



Il seguente catalogo della "GDG La Giraffa" del 1979/80 è veramente corposo, ben 68 pagine (formato 20 cm x 15 cm) strapiene di giocattoli non sempre molto comuni. Evidentemente "La Giraffa", assieme alle aziende più conosciute (Mattel, Lego, MB, Harbert, Editrice Giochi etc etc), si avvaleva anche di distributori con articoli non usuali.
Per esempio c'è tutta una serie di giochi spaziali/fantascientifici che non avevo mai visto in altri cataloghi:
Intruder; Sir Galaxy; Star Rider; Rom; Stellar War; Space Blaster.

Questi non sono giochi in scatola nè videogiochi, ma giocattoli che volevano simulare l'atmosfera spaziale. Infatti Intruder pare essere una piccola astronavina con tanto di luci e rumori. Lo "Star Rider" è una plancia di comando sopra la quale il bambino si sedeva e poteva schiacciare pulsanti e leve, simulando la guida di una astronave o robot.
"Sir Galaxy" e Rom sono dei robot, da notare che il nome del secondo oggi non credo verrebbe più usato...
Mentre "Stellar War" erano una coppia di pistole spaziali a con cui i duellanti potevano sfidarsi, e "Space Blaster" un fighissimo cannone spaziale che proiettava su un muro l'immagine dell'astronave da colpire!!! E quando questa, grazie a delle fotocellule, veniva colpita più volte, precipitava!!!
Non mancano i videogiochi portatili, alcuni di questi già recensiti su questo blog.
La pagina centrale è dedicata ai prodotti Gig: I Micronauti; Playmobil; Paciocchino; Fiammiferino.
Ci sono pure i giocattoli ispirati agli anime: pupazzi di Remi, il gioco in scatola di "Capitan Harlock, i robottoni giocattolo di Gloizer X e Tekkaman .
Su questo versante c'è una piccola curiosità  ^_^




Nel paginone con Gloizer X (compreso il pilota maschile Kaisaka Joe) e Tekkaman, è presentato un terzo robottone (nel riquadro in alto a sinistra), che pare venga fatto passare anch'esso per uno dei personaggi di Gloizer X.




Ho fatto un po' di fatica a scoprire quale fosse, in realtà il robottone non è di una serie animata, ma di un tokusatsu, il cui titolo è "Ganbaron", ed il nome del robot è Daibaron.
Sempre bello vedere gli adulti che cercavano di truffare i piccoli consumatori...
Nel link sotto ci sono parecchie info:
http://www.robotvintage.com/article/serie_ganbaron.html

Il titolare del sito è anche l'autore dei 3 volumi dell'Enciclopedia Diecast.


        

L'opening della serie Tokusatsu non è malaccio, ma quello che fa rizzare i capelli è la quotazione a cui è arrivata questa confezione!



Io immagino il bambino che la comprò, e poi deluso dal fatto che non corrispondesse ad alcun cartone animato robotico presente in televisione, se ne disfò nel giro di qualche settimana o mese   ^_^




Ho compreso di quale robottone si trattasse grazie al saggio di Signora:
Anime d’Acciaio Deluxe Edition, guida al collezionismo di robot giapponesi (con CD-ROM)


        

E guardiamocelo questo video!




Anime d’Acciaio Deluxe Edition, guida al collezionismo di robot giapponesi (con CD-ROM)



Non sono riuscito, invece, a scoprire da dove presero questa simil base ufo...

Proseguo con il resto del catalogo, che iniziava in realtà con i giochi per i più piccini e le bambole...










Ho ingrandito l'immagine perché lo scritto non si legeva, inoltre i bamboloni fanno impressione...



Stupenda la mucca che beve acqua e da cui si può mungere il latte!





Molto avanti per i tempi il set che ti permetteva di trasformarti in un mostro dei film horror.





Quello in basso a sinistra parrebbe essere un clone di Terra-Hit (Tomy 1979)




Questa è la stupenda doppia pagina con i giochi spaziali a cui accennavo ad inizio post:
Intruder; Sir Galaxy; Star Rider; Rom; Stellar War; Space Blaster.









"Space Blaster" doveva essere veramente un bel divertimento per qualsiasi bambino che avesse sognato almeno un volta di stare ai cannoni laser del Millenium Falcon!




Capitan Harlock, il pirata dello spazio - Editrice Giochi 1978




Da notare che la milanesissima Harbert, oltre ai personaggi di "Guerre Stellari", metteva in vendita il Dottore  :]



I pupazzi di Remi e i robottoni ed astronavi farlocche della Polistil.





Subbuteo e i modellini di Star Trek e Spazio 1999.








Tardelli che ci magnifica i videogiochi portatili della Mattel:
Mattel's Soccer - 1978 (serie Handheld Games)
Mattel's Auto Race - 1977







Computer Logic 5 - MB Elettronics 1977






2 commenti: