CERCA NEL BLOG

venerdì 6 settembre 2013

Computer Logic 5 - MB Elettronics 1977


"Sono programmmato per battervi..."
Oggi un "videogioco" o "gioco elettronico" (come spesso erano definiti allora) così non farebbe paura a nessuno/a, ma nel 1977 l'idea di confrontarsi con un computer era qualcosa di nuovo ed intrigante. In Italia i primi home computer come il Vic 20 sarebbero arrivati nei primi anni 80, solo in film e telefilm si aveva a che fare con computer, e Logic 5 pareva qualcosa di più che un semplice "Master Mind" numerico.
L'enfasi con cui è presentato il gioco sotto la scritta "Logic 5" non ha lo scopo di truffare bambino, vuole introdurci alla nuovo sfida: battere il computer!
Di seguito le scan dei lati della confezione.


La scritta recita anche "1 o più giocatori", e dall'immagine si vede un bimbo giocare assieme/contro il padre, ma, ovviamente, nessun multiplayer era previsto dal gioco. Semplicemente ci si sfidava ad indovinare un numero composto dalle medesime cifre in meno tentativi possibili.



Il gioco elettronico non era dotato neppure di effetti sonori. Il "premio" per aver imbroccato la sequenza giusta era veder lampeggiare tutti i led rossi, cosa che, comunque, dava una certa soddisfazione.






Ecco, forse qui la MB Elettronics fece un po' la sborona, addirittura milioni di dollari... e perchè mai non miliardi di lire? I soliti filoamericani...
Anche il resto del tsto è assai curioso, molto ingenuo.



Trovo che la cosa più affascinante dello chassis in plastica sia il finto video sommato alla tastiera numerica, allora pareva veramente di avere a che fare con un pc senziente.



Questo è il tabellino che serviva per segnarsi le cifre azzecate e la loro posizione. Il mio è praticamente completo, non lo usavo mai perchè mi rugava scrivere... ovviamente serviva anche, e soprattutto, per le eventuali sfide a due, tanto per evitare contestazioni.



Le istruzioni del gioco. Da notare che sullo sfondo, come in tutta la confezione, è presente l'immagine di un circuito stampato. Altra novità di allora, che rendeva un oggetto automaticamente futuristico.



Ho sempre detestato i vani delle batterie che si dovevano aprire con la monetina, troppo difficili da aprire...










Ecco il trucco delle partite in "multiplayer".



In basso la data di distribuzione in Italia.




2 commenti:

  1. Per cominciare complimenti per il blog, poi un grazie, si parla di cose che ormai pensavo fossero solo fantasie perse nella nebbie dell'altro secolo, tipo questa, e invece era tutto vero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^_^
      Scopo del blog, a parte le rece dei libri, è proprio di risvegliare un po' di ricordi sopiti ;)

      Elimina