CERCA NEL BLOG

martedì 1 settembre 2015

"Manga Impact" mostra al Museo del Cinema di Torino del settembre 2009/gennaio 2010



Nel settembre del 2009 mi sono recato al Museo Nazionale del Cinema di Torino per vedere questa mostra, sinceramente non sapevo cosa aspettarmi, e devo dire che appena entrato sono rimasto sbigottito, sbalordito, divertito e galvanizzato!
Le persone che erano con me, non appassionate di animazione giapponese, penso che non credessero ai loro occhi, ero a dir poco esaltato. Tornato, di colpo, un bambino dentro un negozio di giocattoli, ma non un negozio qualsiasi:
il negozio del non plus ultra delle cose più non plus ultra del nonplusultrismo :]
Appena entrati ci si trovava davanti a sei vetrine alte un paio di metri strapiene di modellini vintage di serie animate anni 60/70/80, per lo più di personaggi dei robottoni o fantascientifiche.
In un altro lato del museo c'era un megavetrinone con tutti i robottoni jumbo, una cosa da far spavento!
La mostra di Treviso "Giappone dai samuari a Mazinga" di qualche mese fa conteneva molto materiale proveniente dalle stesse collezioni, ma non paragonabile come numero totale di pezzi (o almeno questa è la mia impressione).
Ma la mostra non finiva qui.
Tutta la camminata che porta fino in cima alla Mole Antonelliana era piena di materiale inerente l'animazione giapponese, non solo anni 70 e 80: cell; manifesti cinematografici; materiale editoriale.
Penso che nel totale (Giocattoli/modellini, cell, materiale vario) sia stata la più grande mostra sull'animazione giapponese mai organizzata in Italia.
L'unica delusione, tanto unica quanto deprimente, fu che non era stato pubblicato nessun catalogo della mostra... una vera follia umana...
In questa recensione, un po' postuma, inserisco la quasi totalità delle foto che scattai allora, lo scopo è solo quella di ammirare una tale abbondanza di materiale quasi inestimabile, e ringraziare, con qualche anno di ritardo, i curatori della "Manga Impact" (tranne che per la mancanza di un catalogo...):
Carlo Chatrian, Olmo Giovannini, Fabrizio Modina.

Fabrizio Modina, oltre ad essere uno dei curatori della mostra di Treviso, è l'autore del libro: 
Super Robot Files, 1963/1978 l'età d'oro dei robot giapponesi nella storia degli anime e del collezionismo 

Avverto che, non solo non sono un fotografo, neppure amatoriale, ma quando ho scattato queste foto non pensavo sarebbero finite su un blog. Infine che la macchian fotografica digitale era abbastanza nuova nel 2009 (comprata nel 2007), ma che nel 2015 la qualità delle immagini potrebbe lasciare un po' a desiderare, ma mai quanto l'opera del fotografo T_T

Le sei vetrine stracolme di ogni ben di kami :]


 La megavetrinona con i jumbo robottoni.



 La mostra dedicata all'animazione.



Per prima cosa parto con le foto dei giocattoli e modellini, non sono in un ordine preciso, proprio a causa dello stato di agitazione mentale nel quale ero caduto momentaneamente ^_^

P.S.
Eviterò i soliti commenti, che nella quasi totalità sarebbero solo dei "stupendo, stupendissimo, megastupendo".




Stupendo!!!!
ah, no, pardon...


















































































Da qui in poi una parte del materiale più attinente alla mostra sull'animazione.







 Come si può notare c'erano serie anche recenti, il Gurren Lagann nel 2009 era una serie recente.



Il manifesto italiano de "Il segreto della spada del sole"




 E il manifesto nipponico.














"TUONO SPAZIALE!!!"
Urlerebbe Malaspina.





















 Averlo questo Takaya Todoroki!












Come si può vedere non mancavano neppure i 45 giri delle sigle.



9 commenti:

  1. Giusto giusto un paio di foto...^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà un bel problema quando riempirò lo spazio disponibile di Picasa per il blog T_T

      Elimina
  2. Mamma mia...e io dov'ero quando è successo. Perchè non mi ricordo nulla di questa iniziativa...porca trota

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massy, penso che il tuo buco di memoria sia dovuto essenzialmente al sommarsi dei giorni/mesi/anni, cioè, in parole meno criptiche e gentili: sei vecchio!!! :]
      Ne avevo scritto sul forum ai tempi, e mi pare che tu avessi anche commentato ;)

      Elimina
  3. Porca pu...pazza!!!! Che ben di Dio!!! Io ci sono stato dentro la Mole a fine maggio di quest'anno ed ovviamente (guarda un po') era finita la mostra. C'erano si altre cosette interessanti ma mai tutto sto cumulo di robot, manga, pupazzetti, gadget ed altro... ripeto... PORCA PU...PAZZA!!!
    Mai che mi trovi al posto giusto nel momento giusto! Sigh! Sob! Sniff! :-((
    Utopia71

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempismo è essenziale, ma farei a cmbio con la ricchezza smodata :]

      Elimina
  4. bella mostra, bell'articolo. dai stengo, pensa a quando farai tu la mostra Go nagai, con i modellini della gazzetta.. gli appassionati arriveranno a frotte da tutta italia .. con l'aria che tira un paio di sale le addobbi tra dvd, modellini, special edition ed altro.. :-) accagi73

    RispondiElimina
    Risposte
    1. T_T (tutti i prendono in giro T_T) ^___^

      Penso che il pubblico sarebbe superiore anche a quello dell'Expo, ma la motivazione, probabilmente, non sarebbe l'ammirazione, ma lo scherno T_T

      P.S.
      Ti cedo tutta la GNRC a 5000 €, approfittane!!!

      Elimina
    2. Ok Accagi73, sei un duro nelle trattative.
      Sconto del 50%. Tutto a 2500 €, ok? :]

      Elimina