CERCA NEL BLOG

martedì 3 luglio 2018

La prima puntata di Heidi - 7 febbraio 1978 (non 1976)


Qualche giorno fa nei commenti di questo entusiasmante post (link) Lone Wolf ha copia-incollato una discussione su FB (che io non uso) inerente al dubbio di alcuni fan sulla prima apparizione di Heidi alla Rai, gli avevo promesso che avrei messo qualche info, quindi ecco il testo saliente con info:

A proposito di Heidi e Goldrake , in questi giorni ho letto su facebook una discussione su chi fosse comparso prima sulle tv italiane e un autore di fumetti ricordava che Heidi fosse del 76 e goldrake del 78. Lone Wolf
PS ti incollo la discussione 

Federico Memola
Castelli e io contro il resto del mondo.

Io ho sempre ricordato che la serie di Heidi fosse approdata sui nostri teleschermi nel 1976, circa due anni prima di Goldrake, mentre oggi pare universalmente assodato che sia stata trasmessa in Italia in quello stesso 1978.
Eppure io ricordo che il cartone di Heidi avesse avuto modo di cementare il suo successo prima che Goldrake aprisse l'invasione vera e propria. E il successo del robottone di Nagai, all'epoca, fu tale da oscurare qualunque "concorrente" contemporaneo a lui, piccola montanara compresa.
La sola fonte a sostegno di questi miei ricordi è Alfredo Castelli, che in ben due articoli (quello da cui ho estratto il passaggio fondamentale riportato qui sotto è stato pubblicato su Eureka del Dicembre 1983) riporta il 1976 come anno di esordio di Heidi in Italia. L'altro articolo (anzi,in quel caso con tanto di cronologia delle serie giapponesi e date dimessa in onda in Italia) è reperibile sul dossier "Orfani e Robot" del 1984.
Certo, son passati quarant'anni e potrei ricordare male, così come Alfredo potrebbe essersi sbagliato in entrambe le occasioni... Eppure per me l'anno di Heidi rimane il 1976, nonostante il parere contrario del resto del mondo.

Marcello Vaccari:

Potrebbe essere stata trasmessa dalla tv Svizzera , che all'epoca era molto seguita in Italia.
Giacomo Michelon:
Anch'io ho ricordi di una messa in onda di Heidi molto precedente all'arrivo di Goldrake, almeno un anno prima nei miei ricordi. Maaah la Rai non ha degli archivi con la programmazione? Oppure...all'epoca esistevano già le varie guidetv/sorrisi e/o i quotidiani non avevano un boxino con la programmazione televisiva?
Marc Perricone:

Ti confermo che Heidi in Italia, fu trasmesso per la prima volta nel 1976. In B/N.
Carlo Recagno:

Io ricordo che quando trasmisero Heidi ero alle medie. Nel 1976 ero ancora alle elementari, e non ricordo affatto che ci fosse Heidi all’epoca.

Le tre scan sopra sono del 7, 8 e 9 febbraio 1978 (ovviamente dal relativo TV Sorrisi e Canzoni del 5/11 febbraio 1978), e si può chiaramente notare che la puntata del martedì, oltre ad avere il titolo e la sinossi della prima puntata di Heidi, reca il famoso quadrifoglio verde che indicava la "novità".
Quindi, direi, fino a quando qualcuno non mostrerà delle immagini di qualche rivista del 1976 con Heidi, che si può ragionevolmente affermare che la prima puntata dell'anime fu il 7 febbraio 1978.

"Un programma a cartoni animati tratto da una novella di Johanna Spyri. Regia di Isao Takahata"
Così recita la riga del palinsesto di fianco al riquadro con l'immagine della pastorella svizzera e la sinossi della puntata.
La redazione di "TV Sorrisi e Canzoni" non dedicò un articolo di anteprima per la serie animata nipponica, ma nel numero successivo, quello del 12/18 febbraio, ci sarà un articolo approfondito a cura di Corrado Biggi.




Un'altra prova che Heidi non fu trasmesso nel 1976 la si trova sul Radiocorriere n° 44 del 30 ottobre/5 novembre 1977 (dico, 1977), in cui viene annunciata la serie animata con "un nuovo, delizioso personaggio la cui storia, a cartoni animati si snoda per 52 episodi che andranno in onda, a partire da gennaio, sulla Rete 1.".
Da notare il tratto di Heidi e Peter, che non è il medesimo dell'anime, probabilmente uno dei disegni allegati a qualche brochure (o atlas) che la Rai ebbe assieme alla serie.
Chissà che fine ha fatto tutto quell'inestimabile materiale cartaceo...   T_T




E' di nuovo il Radiocorriere del 5/11 febbraio 1978, cioè la settimana della messa in onda di Heidi, che dedica alla pastorella nippo-elvetica uno dei primissimi articoli sugli anime.
Non che l'articolo riveli notizie segrete, però veniva spiegato che la serie era stata acquistata dalla Germania e venivano elencati quasi correttamente gli autori nipponici (artisti giapponesi!):
Isao Takahata; Kei Kuroki; Yoichi Yatabe (Yoichi Kotabe); Masahiro Lioka (Masahiro Ioka).







Si vede che gli animatori nipponici erano degli assi ad allungare il brodo, chissà cosa avrà pensato Comencini  :]




Questa sopra è la pagina completa da cui ho ripreso il box con l'anteprima di Heidi dal Radiocorriere Tv.



Questo è il sommario delle prime tre scan del TV Sorrisi della prima messa in onda.


37 commenti:

  1. Da quanto ho sentito in tv durante un programma sulle sigle e i cartoni giapponesi la prima puntata ufficiale di Goldrake fu il 4/04/78. Credo dunque tu abbia ragione sulla data delle prime puntate di Heidi che dovrebbero essere state trasmesse a febbraio dello stesso anno. Poi si sa che più o meno le anime giapponesi fecero il botto in Rai e nelle tv locali tutte in quell'anno. Mi ricordo anche che mia mamma era amante della sigla di Heidi interpreta dalla Viviani e comprò il vinile in 45 giri. Forse chi ha scritto delle prime puntate nel 1976 si confondeva con i telefilm con i personaggi reali, è molto probabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se intendi il telefilm di Heidi, cioè questo:

      https://imagorecensio.blogspot.com/2015/06/heidi-telefilm-1978-di-produzione.html

      E' del 1978 ;)

      Elimina
  2. La realtà dei ricordi è indefinibile, e plasmabile dalla mente del singolo, sempreché il singolo ne abbia la voglia e l'autorità.
    Per me è tutto un minestrone il pre-goldrake, ci metto insieme Furia, la prima run di Happy Days, il Muppet Show, Heidi e Zum...
    Però direi che nel 1976 era un po' prestino per Heidi, lo associo proustianamente più a Sandokan, quell'anno.
    Questo non aiuta, naturalmente.
    Se c'è da creare un mondo borgesiano basato solo sui ricordi, come autorità mille volte meglio un Alfredo Castelli di un JD LaRue.
    Quel mondo "castelliano" sarà magari un po' scollegato dalla realtà,ma certo più interessante della realtà stessa.
    Non la definirei una ricostruzione della storia di tipo orwelliano (o staliniano), perché non ci vedo malizia.
    Non cambia nulla di sostanziale se Heidi è atterrata qui nel 1976 o 2 anni dopo.
    Quanto a Federico Memola, posso solo comprenderlo per la sua fedeltà alla versione castelliana, e ringraziarlo per aver rallegrato i miei anni 90 con Zona X.
    Come bibliotecario mi limito a dire che la collezione completa del Radiocorriere e di Sorrisi del 1976 dovrebbe trovarsi per legge nelle nostre Biblioteche Nazionali (noi ne abbiamo ben due, Roma e Firenze).
    Ma Borges ci insegna a diffidare anche delle fonti bibliografiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggendo queste vecchie riviste mi sono reso conto che parecchi dei miei ricordi erano errati, qualche volta quasi giusti.
      Io sono, forse per il fatto che non faccio un lavoro intellettuale, più terra terra ^_^
      Il 7 febbraio 1978 non è il 1976 :]
      Poi, se qualcuno mi porta una rivista del 1976 con il cartone di Heidi, la posterò immediatamente! ;)

      Elimina
    2. Nemmanco io faccio un lavoro intellettuale, faccio il catalogatore :D

      Elimina
    3. Più intellettuale del mio :]

      Elimina
  3. Io ricordo nettamente Heidi per la prima volta nel 1978, ma confermo di aver sentito dire che la tv Svizzera mandò in onda l'anime prima della Rai e in parti dell'Italia del nord quel canale si prendeva abbastanza bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto ricerche anche su alcuni quotidiani svizzeri in lingua italiana. Il motore di ricerca del sito non era il massimo, ergo non escludo qualche svista, ma della Heidi animata nessuna traccia.
      E comunque, visto che Star Blazers ce lo ricordiamo tutti che venne trasmessa per la prima volta dalla Svizzera Italiana, immagino che non ci sarebbe sfuggita Heidi.
      Io mi guardavo Scacciapensieri tutti i sabati ;)

      Elimina
    2. Perfetto, è il momento di lasciar cadere quelle "voci" sulla tv svizzera, forse frutto di "leggenda urbana":)
      Sempre puntuali e documentati i tuoi articoli, ancora complimenti!

      Elimina
    3. Scacciapensieri tutti i santi sabati dopo l'estrazione del "lotto svizzero a numeri"...

      Elimina
    4. Già la tv svizzera italiana era l'unico canale "estero" che riuscivamo a captare in famiglia. Mentre di capodistria e tele Montecarlo manco a sognarle

      Elimina
    5. @ Orlando Furioso:
      Non affermo categoricamente che Heidi non fu mai trasmessa dalla Svizzera Italiana prima che in Italia, ma ad ora non ho trovato riscontri in merito ;)
      Considerando che ho anche qualche fonte dal confine svizzero, credo che una Heidi nipponica nel 1976 non sarebbe passata inosservata.

      Elimina
    6. L'Estrazione del lotto era un appuntamento unico, con quella musichetta in sottofondo, il tutto completamente meccanizzato, pareva quasi che fosse magico ^_^

      P.S.
      Ho cercato qualche video, ma pare non essercene... T_T

      Elimina
  4. Infatti. Forse le prime animazioni giapponesi per la tv erano pinocchio o viky il vichingo e qualcosa a livello di film. Nel 76 come scritto da j_d_la_rue_67 i ragazzi di allora si interessavano più a Sandokan(tranne io che lo detestavo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avrò consumato il disco di Sandokan a forza di ascoltarlo :]

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il loro periodo! Gli Oliver Onions inanellavano una hit dietro l'altra. Forse adesso musica come quella non se la filerebbe nessuno. Comunque rimpiango quel periodo anche sé il 1976 non fu un'anno molto felice per me.

      Elimina
  6. Visto che siam caduti sul discorso, io le tv le prendevo tutte, Montecarlo, Capodistria, Svizzera...
    C'è stato un breve momento che si beccava anche Antenne 2, in bianco e nero.
    Mi ricordo una puntata di Goldorak con un mostro di Vega scarabeo, collegato in qualche modo a un bambino. Mi ricordo pure la sigla.
    Si vede che Lucca era un posto particolarmente favorevole per la ricezione dall'estero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse c'era qualche ripetitore nelle vostre zone. Mi pare che videomusic il primo canale tutto di video musicali trasmettesse proprio dalla zona nord della Toscana. Ma comunque Antenne 2 non era tutta in francese?

      Elimina
    2. Mi pare che in una rivista che ho già postato (forse Il Mattino Illustrato) vi fosse l'informazione che la Svizzera e Montecarlo arrivavano fino in centro Italia grazie ad una serie di ripetitori.
      "Antèn dè", detto in francese maccheroni, era francese ;)

      Elimina
    3. Sì, vedo solo ora.
      Daniele, s', Antenne2 era (è) francese.
      Io la ricevetti solo per poco tempo, solo qualche settimana, il tempo per registrare (su audiocassetta) la sigla "Goldorak! Go!).
      Sì Videomusic era della famiglia Marcucci, noti vampiri lucchesi...
      Io conoscevo personalmente Rick e Clive! Due matti...

      Elimina
    4. In che senso vampiri? 👹 beh dai,comunque era simpatico come canale ed ha lanciato molti talenti. Mi è spiaciuto che poi sia stato "fatto fuori" da mtv. Rick e Clive erano i due inglesi, si in effetti rappresentavano perfettamente lo stereotipo dell'inglese chiacchierone

      Elimina
  7. Si anch'io la captavo in un certo periodo per qualche mese però era nel giugno luglio 1993,chissà come mai. Però da quello che ho visto penso di non essermi perso niente. Mentre mi spiace che a fine anni 70(fino al 1979) non riuscissi a ricevere tmc. C'era il simpatico jocelyn che poi guardavo sempre sulla rete 1 in discoring. Ma quello che mi fa strano attualmente è che pur abitando ad Abbiategrasso non vedo più la Svizzera italiana. Ma esiste ancora il canale? Oppure ha fatto la fine di TMC?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Svizzera Italiana esiste ancora.
      Quando la guardo da amici comaschi rimango stupefatto da quanto sia fatta bene, da quanto sia rimasta identica a quella che vedevo da bambino: semplice, pulita, non gridata, senza volgarità, competente.
      Tutto l'opposto di Rai e Mediaset...
      Non per nulla furono proprio le tv italiche a pretendere che il segnale della TSI venisse indebolito, proprio per non avere un concorrente con programmi di qualità.
      Tra la TSI e qualunque canale Rai/Mediaset è sempre 1000 volte meglio la tv svizzera!
      Poter vedere la TSI avrebbe permesso di rendersi conto della merda che fanno vedere gli altri canali, eliminata la pietra di paragone positiva, tutto è lecito... T_T

      Elimina
    2. Si infatti! Dopo tanti anni senza televisore ho deciso di riacquistarlo recentemente forse per vedere qualche partita di calcio dei mondiali. Facendo zapping tra i vari canali(E non mi riferisco solo a Rai e Mediaset ma anche i canali digitali) ho potuto notare che le televendite sono oramai il business di punta di tutti i canali (comprese le sopravvissute antenna 3 e telelombardia). Non parliamo poi di quei canali trash che trasmettono i vari reality su ogni tipo di argomento dal trash di cracco con MasterChef e isole dei famosi grandi fratelli e stronzate varie. Avete notato che dal 2000 quando venne trasmessa la prima edizione del grande fratello la gente si è rincoglionita completamente?

      Elimina
    3. E' Videomusic che ha fatto la fine di TMC...
      Vampiri, vampiri e vampiri...

      Elimina
    4. Ma ho visto che attualmente c'è vuemme è una versione più amatoriale di videomusic ma trasmette sempre dalla Toscana

      Elimina
  8. Visto che non hai Facebook, ti RIavviso che l'autore di fumetti F. Memola (autore molto bravo) ha letto e postato questo tuo articolo come prova nel continuo della discussione��.
    Tanti saluti da Lone Wolf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'aggiornamento Lone Wolf ;)
      Ma è servito il post?
      Si sono ricreduti o continuano ad aessere convinti che Heidi venne trasmessa nel 1976? ^_^

      Elimina
    2. Ricreduti e ne prendono atto! :-) ma speranzosi che salti fuori un articolo che riabiliti la loro memoria :-)).
      Tanti saluti Da Lone Wolf e Zio.
      PS
      ma come stanno i Gonagai sempre sepolti ogni tanto gli fai prendere un poco d'aria?? :-)
      PPS
      Allego il continuo della discussione
      Carmine Laudiero La puntata del ritorno di Heidi dal nonno non fu mai trasmessa perché coincise coi funerali di stato di Aldo Moro. Io c'ero davanti alla tv aspettando . Fatti il calcolo.
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Alex Dante
      Alex Dante Effetto Mandela? Pane per il BVZM ;)
      1
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s · Modificato
      Mario Taccolini
      Mario Taccolini Posto che mi pare assurdo contraddire Castelli (che ha sempre ragione a prescindere)... anche a me pare più probabile il 1978.
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Davide Aicardi
      Davide Aicardi Heidi è andata in onda prima di Ufo Robot. Ma di due mesi, non due anni. Nel 76 vennero trasmessi Vicky il vichingo e Barbapapà.
      1
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Marco Pellitteri
      Marco Pellitteri Bisogna guardare le guide tv e gli archivi della televisione della Svizzera italiana, ma il 1976 rimane una data improbabile, perché per esempio la colonna sonora fatta in Germania per la serie (che si aggiunge e distingue e sovrappone in parte alla colonna sonora originale di Takeo Watanabe) è datata 1977.
      Gli errori di attribuzione, di datazione e fattuali in “Orfani e Robot” sono diversi, dato che si tratta del primo studio del suo genere in Italia.
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Giuseppe Campana
      Giuseppe Campana Se hai tempo e voglia puoi trovare la risposta da solo spulciando i Radiocorriere Tv che sono scaricabili in pdf dal sito delle teche Rai
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Mauro Bianchini
      Mauro Bianchini Su Topolino c'erano i programmi della settimana, quando vado dai miei controllo :-)
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Federico Memola
      Federico Memola Io l'ho detto che siamo contro il resto del mondo (tranne Giacomo Michelon e pochi altri che sono dalla nostra parte!) e non escludo di aver torto, ci mancherebbe. Però mi pare così strano... Mah!
      1
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Giacomo Michelon
      Giacomo Michelon Federico, a quell'età - 10 anni - si cresce così in fretta che due mesi possono sembrare nei ricordi due anni. Poco dopo iniziarono le trasmissioni anche di Happy Days - e nei miei ricordi è tutto in quell'anno - erano in contemporanea, uno sul primo, Goldrake sul secondo e litigavo con mio cugino di un anno più grande, perchè lui si sentiva già adolescente e voleva vedere Fonzie rimorchiare, mentre io ero ancora un bambino che amava i robottoni! Son cose...����
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Giovanni Esposito

      Scrivi una risposta...


      Andrea Venturo
      Andrea Venturo Non ricordo bene se fu tra fine 77 e inizio 78... ma se son stati 52 episodi trasmessi lun-ven direi che deve essere andata in onda tra aprile e giugno 1978.
      Ho ricordi confusi. Ricordo bene che la serie finì dopo la fine della scuola perché non potei vedere le ultime puntate: casa al mare era sprovvista di TV.
      Guido Silvano Anche a me risulta il 1976.
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Gianluca Cerritelli
      Gianluca Cerritelli Anch'io mi ricordo Heidi prima di Goldrake... ma sull'anno preciso non saprei dire. Il fatto é che all'epoca Heidi non l'avevo nemmeno registrata come "giapponese" (la parola anime l'ho appresa decenni dopo) perché per me era semplicemente non paragonabile a Goldrake. Due mondi totalmente diversi, non confinananti né tanto meno in competizione
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 s
      Federico Memola
      Federico Memola A me continua a sembrare strano, ma finché non dovesse saltare fuori una prova contraria, prenderò atto del fatto che ricordo male (anzi, che ricordiamo male Alfredo e io). http://imagorecensio.blogspot.com/.../la-prima-puntata-di...
      Gestire

      IMAGORECENSIO.BLOGSPOT.COM
      La prima puntata di Heidi - 7 febbraio 1978 (non 1976)

      Elimina
    3. Guido Silvano Diciamo che il 1976 è l'anno in cui per la prima volta qualche serie di anime fu trasmessa continuativamente su una TV italiana (un certo vichingo che ben conosciamo, ad esempio), anche se in realtà qualcosa di parzialmente nipponico fu trasmesso fin dal 1974; per il resto, però, il 45 giri di Heidi uscì nello stesso anno in cui uscì quello di Goldrake...
      1
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 g · Modificato
      Marco Pellitteri
      Marco Pellitteri Minchia, ma perché non vi comprate la nuova edizione di “Mazinga Nostalgia” e così la fate finita con gli sforzi di memoria?? :-) Nel mio libro c’è materiale abbondante per migliaia di vostri sogni bagnati di nostalgia.
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 g
      Federico Memola
      Federico Memola Se mi consenti un suggerimento, fossi in te rivedrei la mia strategia di marketing. Perché dalla faccina capisco che volesse essere una battuta, però detto così suona un po' sgradevole e poco invogliante a seguire l'indicazione di acquisto. ;)
      1
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 g
      Marco Pellitteri
      Marco Pellitteri Ero davvero molto ironico — non ci campo con i libri... Da un lato è indubbio che in una fonte libresca frutto di ricerche si può trovare conferma o smentita alle voci di corridoio o ai ricordi sfocati degli appassionati; dall’altro diciamo allora, per esorcizzare il rischio di un suggerimento commerciale, che basterebbe andare in biblioteca. Più di questo non posso fare, per un motivo molto semplice: su internet e in particolare Facebook girano leggende metropolitane, mistificazioni, esagerazioni ecc. su tanti fatti dell’animazione giapponese che si autoalimentano e rinforzano proprio con il sentito-dire. In un libro come il mio, dati alla mano, il fan trova notizie documentate. Ripeto, fatevi le fotocopie o le scannerizzazioni, se volete, ma io invito a leggere risorse su cui uno ha sudato tanto per sfatare miti e corroborare o smentire notizie, e per farlo ha intervistato i protagonisti di certi fenomeni, cercato sulle fonti in lingua originale ecc.
      1
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 g · Modificato
      Ivano Colombo
      Ivano Colombo Marco Pellitteri Io l'ho comprato e letto già al tempo della primissima edizione. Siccome non avevo mai avuto modo di farlo, colgo l'occasione per complimentarmi con te per il certosino lavoro di ricognizione del materiale dell'epoca (che, come rammenti giustamente, sfata tutta una serie di "si dice", che mi perseguitavano dall'epoca delle scuole elemntari) e per la gradevole esposizione del frutto delle tue ricerche.
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 1 g
      Marco Pellitteri
      Marco Pellitteri ti ringrazio!
      Gestire
      Mi piace · Rispondi · 23 h
      Giovanni Esposito

      Scrivi una risposta...


      Riccardo Bogani
      Riccardo Bogani Anche a me sembra antecedente rispetto a Goldrake perlomeno di un anno.Di certo non esordì nel 1978.

      Elimina
    4. Grazie Lone Wolf, almeno rimango informato sugli sviluppi ^_^
      Un salutone ai tuoi zii, anche ai cugini e cugine, eventualmente :]

      Elimina
  9. Ciao, scusa se riprendo questo thread, ma a proposito di Heidi (sabato Rai 1 ha trasmesso il film del 2015 che secondo me è molto carino e ben fatto anche se ovviamente troppo veloce). A parte questo... Sto cercando di sapere la data di prima pubblicazione del libro in italiano ma non riesco a trovare notizie in merito. Mi puoi dire qualcosa tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del film me ne ha parlato un'amica.
      Scusa, ma non ho capito a quale libro tu ti riferisca.
      Mi scrivi il titolo o il link dove ne ho scritto?

      Elimina
    2. Intendo proprio il libro di Johanna Spyri. Volveo sapere quando uscì la prima edizione in italiano... ma non riesco a trovare niente sul web. Trovo edizioni dal 1960 circa, insomma dopo la seconda guerra mondiale. Ma le traduzione per gli altri paesi erano già state fatte. Nion vorrei che come al solito, la traduzione in italiano sia avvenuta come al solito più tardi rispetto ad alre nazioni. Boh...

      Elimina
    3. Sinceramente non saprei dirti.. prova in qualche libreria antica.

      Elimina