CERCA NEL BLOG

lunedì 18 aprile 2016

Mistero Giappone – I quaderni speciali di Limes




TITOLO: Mistero Giappone – I quaderni speciali di Limes
AUTORE: autori vari
CASA EDITRICE: Gruppo Editoriale l'Espresso
PAGINE: 223
COSTO: 10€
ANNO: 2007
FORMATO: 24 cm X 17 cm
REPERIBILITA': Reperibile su internet
CODICE ISBN: 9771124904130

Nonostante siano passati parecchi anni dalla pubblicazione di questo speciale di Limes sul Giappone, era un pezzo cercavo di recuperarlo, ben conscio che gli anni passati ne avrebbero minato l'utilità. Visto che di saggistica nuova non ne sta uscendo ( post relativo ), mi son rifugiato in uno libro del 2007. Lo scritto cerca di lanciare uno sguardo su dove arriverà il Giappone, ovvio che quando lo leggi col futuro già arrivato, noti tutte le predizioni errate. Non è mai facili fare analisi di geopolitica ed economia, però quasi sempre si mostrano errate... ergo sarebbe più saggio evitarle, no?
Il libro è composto da 23 scritti, alcuni restano interessanti anche dopo quasi 10 anni, e mi peprmetto di consigliarne la lettura:
LA SCACCHIERA MONDO ; IL MITO INFRANTO DEL PARADISO KANTIANO; OKINAWA RIVUOLE LA SUA TERRA; PASSATO E PRESENTE DEL TENNŌ; PIANETA MANGA; I BŌRYOKUDAN DALLA VECCHIA ALLA NUOVA YAKUZA; BRASILIANI DAGLI OCCHI A MANDORLA.

Sul web si può trovare questo libro ad un prezzo inferiore a quello di copertina.

IL RITORNO DEL GIAPPONE
di Franco MAZZEI
Un riepilogo storico, che giunge fino al 2007.

LA SCACCHIERA MONDO
di MATSUOKA Seigo
Viene analizzato l'antico gioco di percorso dal nome “Sugoroku”, allo scopo di comprendere le peculiarità nipponiche. Lo scritto vuole evidenziare anche le differenze in campo ludico tra occidente ed oriente.


IL MEGLIO È PASSATO? DECIDERÀ LA DEMOGRAFIA
di Marco PANARA
Un'analisi che parrebbe demografica, sul calo della popolazione e l'invecchiamento dei giapponesi, ma che poi vira sulle dinamiche economiche e speculative.

LA RIVOLUZIONE DELL’INTERNET MOBILE IN GIAPPONE
di HORI Kazutomo Robert
Interessante scritto che rievoca la nascita dell'internet mobile in Giappone, che ha anticipato di molto quello in occidente. Basta ricordarsi a che punto era l'uso del web su telefonino in Italia nel 2007: zero.

PETROLIO E GAS, UN CAPPIO AL COLLO
di UDŌ Shin’ya
La dipendenza del Giappone dalle fonti energetiche importate dall'estero. Nell'articolo si accenna ai pericoli per la popolazione ed ambiente derivanti dalle centrali nucleari in caso di terremoto.

IL MITO INFRANTO DEL PARADISO KANTIANO
di NAITŌ Mitsuhiro
Viene evidenziata la tendenza alla fine dell'antimilitarismo, che era sancita anche dalla costituzione. Ci sono voluti una decina di anni, ma è di questi ultimi mesi una modifica costituzionale in tal senso, ora il Giappone potrà intervenire militarmente fuori dai propri confini.

OKINAWA RIVUOLE LA SUA TERRA
di MATAICHI Seiji
Nonostante i quasi 10 anni passati, le basi statunitensi ad Okinawa restano. Okinawa costituisce lo 0,6% del territorio, ma sull'isola si concentra il 75% delle basi Usa, con annessi danni ambientali e di mancato sviluppo economico. Non credo che con il pericolo nordcoreano e la Cina quelle basi verranno mai smantellate.


Metto il link ad una notizia del gennaio 2014 de "Il Fatto Quotidiano", che dimostra come le cose non sono cambiate, anzi:
Okinawa, nasce nuova base Usa: rischi ambientali e svendita di diritti
PASSATO E PRESENTE DEL TENNŌ
di TOKORO Isao
L'origine e la storia del termine “tenno”, ma anche il ruolo dell'imperatore dall'antichità al 2007. Sono descritti vari cerimoniali, anche religiosi. Non si parla mai di Hirohito nell'ascesa del militarismo nipponico, per un giapponese come l'autore doveva essere un tabù anche nel 2007...

Cambiare il Giappone si può
di ISHIDA Yoshihiro, già candidato nel 2007 alla presidenza della prefettura di Aichi ed ex sindaco di Inuyama.
Inutile da leggere nel 2016.

COME NASCE UN GIORNALE GIAPPONESE
di DANNO Makoto
Come funziona il  quotidiano “Chunichi Shimbun” della provincia di Aichi.


Qualche tempo fa ho scannerizzato del materiale informativo proprio su un quotidiano nipponico, non lo stesso di questo artcolo, e non dello stesso periodo, però penso che possa essere un valido compendio:
"Asahi Shimbun - The foremost newspaper in Japan" (brochure del 1970 in inglese)  

IL SISTEMA IEMOTO
di UMEWAKA Naohiko
Il sistema “iemoto” indica il termine con cui si fa risalire ad un personaggio la fondazione di una scuola artistica, con annessi compiti di tramandare il sapere.

PIANETA MANGA
di Igort
Lo stesso fumettista italiano racconta come ha vissuto la sua esperienza artistica in Giappone.

SCRITTURA E CALLIGRAFIA
di Roberto steve GOBESSO
La calligrafia non mi attira.

I BŌRYOKUDAN DALLA VECCHIA ALLA NUOVA YAKUZA
di MORISHITA Tadashi
Sono pochi gli approfondimenti sulla yakuza, e l'articolo, seppur breve, è interessante. A mio avviso dimostra che tra Italia (più volte citata dal punto di vista legislativo e giudiziario) e Giappone non si possono fare paragoni sulla “lotta alla mafia”, perché, semplicemente, il Giappone quasi non la combatte, in quanto la yakuza è tollerata.
Ho letto con sorpresa di cause di risarcimento intentate da parenti di vittime innocenti della yakuza (persone che sono morte durante sparatorie tra bande) verso il capo clan. E alla fine anche il giudice ha condannato il boss al risarcimento, sancendo che il picciotto assassino fosse un dipendente economico del boss, che quindi doveva risarcire il danno (morte) alla vittima!





In Italia sarebbe mai possibile un bollettino del ministero dell'interno con l'elenco dei vari clan con nome del boss?  O_o

 

‘MOTTAINAI’, LA VIA NIPPONICA ALL’ECOLOGIA
di KADA Yukiko
Come si è cercato di preservare l'ambiente intorno al lago Biwa.

Natale in Giappone
di Amélie NOTHOMB
Non ho capito il senso di questo brevissimo contributo...

ABBIAMO BISOGNO DELLA CINA
di DAN Ryūta
Viene spiegata la situazione dei rapporti con la Cina in quel 2007, in miglioramento, dopo le varie crisi scatenate dal negazionismo storico di vari esponenti del governo Koizumi (2001-2006).

FRA TŌKYŌ E PECHINO IL FUTURO SARÀ ROSA
di LING Xingguang
Stesso tipo di analisi, ma dal punto di vista cinese, che si concentra sui punti di dissidio ed eventuali rimedi.

L’IMPERO DEL SOLE TRA ORGOGLIO E DIPENDENZA
di Gavan MC CORMACK
Le cause dei futuri rischi del peggioramento dei rapporti tra Cina e Giappone.

ITALIA-GIAPPONE, UN RAPPORTO PRONTO A GERMOGLIARE
di Mario Salvatore BOVA
I rapporti tra Italia e Giappone nel 2007 ed oltre, forse un contributo un po' ottimistico.

Solo per giapponesi
Conversazione con ARUDŌ DEBITO *, a cura di Stefania VITI.
Interessante, ma eccessivamente breve, intervista a Arudo Debito, sulla discriminazione degli stranieri che vivono e lavorano in Giappone da lunghi periodi.

I GRANDI CORTEGGIANO LA COREA DEL NORD
di HAGIWARA Ryō
L'autore affibbia agli Usa la colpa della situazione nordcoreana, cosa che mi pare in parte esagerata.
Poi racconta della sua teoria sull'omicidio di Kim il-Sung (padre e padre della patria) da parte del figlio Kim Jong-il. Ora il despota è il nipote, Kim Jong-un. Sinceramente è la prima volta che leggo di questo parricidio.

BRASILIANI DAGLI OCCHI A MANDORLA
di Donatella NATILI
Nei primi anni del 1890 iniziò un flusso migratorio dal Giappone al Brasile, in parte proseguito nei primi anni 50 e 60. Viene raccontato come vivevano i primi immigrati nipponici in Brasile. E' riportato un fatto storico che proprio non conoscevo, riguardo a scontri tra due diverse fazioni di giapponesi durante il secondo conflitto mondiale. Dato che erano state segretate le notizie sulla guerra, si generarono due fazioni opposte, i “makegumi (perdenti) e i “hachigumi” (vincenti), questi ultimi erano formati da ex militari e nazionalisti. Gli scontri, anche armati, tra le due fazioni arrivarono a causare più di un centinaio di morti, fin quando la Croce Rossa brasiliana non informò la comunità nipponica di come procedeva veramente la guerra. Negli anni 80, circa 300 mila discendenti di quegli emigranti, tornarono nella madre patria, rendendosi conto che se non erano più considerati giapponesi, infatti a loro sono assegnati in gran parte i lavori “3K”: kiken (pericolosi), kitanai (sporchi), kitsui (pesanti).
Due scan per illustrare meglio ciò che ho descritto.



7 commenti:

  1. Quindi, mi state dicendo che Roberto Hongo (Sedinho nell'adattamento italiano), l'allenatore di Tsubasa Oozora (Oliver "Holly" Hutton in Italia)... è uno di quegli emigrati che negli anni '80 torna in patria?

    Ecco come mai "un centravanti della nazionale" finisce a fare il clochard... viene ostracizzato dai giapponesi per motivi socio-culturali! O__O

    Ma sarà stato credibile un immigrato che diventa calciatore della nazionale, all'epoca? Servono ulteriori ricerche. ?_?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai visto "Holly e Benji", quindi non conoscevo l'aneddoto su Roberto Hongo, però considera che queste persone non erano semplici "immigrati", ma giapponesi emigrati di seconda, terza o quarta generazione che tornavano in Giappone.
      Quindi, forse, nel campo sportivo, atleti meritevoli avrebbero anche potuto acquisire incarichi di prestigio.
      Almeno in via teorica come in un anime ;)

      Elimina
  2. Contando che Cpt.Tsubasa / Holly & Benji è iniziato nel 1981... tutto torna. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sorprendente come, talvolta, più informazioni separate, se messe assieme, diano una panoramica più chiara di un fatto :]

      Mi vengono in mente anche alcuni personaggi di Excel Saga, come Pedro.

      Elimina
    2. Verissimo! Anche lui dal Brasile, anche lui in lavori "di fatica"... Ha senso.

      Elimina
    3. Caro Stengo, se come riportato nela rece di Brasiliani dagli occhi a mandorla "nei primi anni del 1990 iniziò un flusso migratorio dal Giappone al Brasile, in parte proseguito nei primi anni 50 e 60", ebbene, in quale secolo ritorneranno? nel XXI? :D

      Elimina
    4. Correggiuto :]
      Grazie ;)

      Elimina