CERCA NEL BLOG

venerdì 13 novembre 2015

"Così Goldrake disintegra Topolino", di Daniel Jarach - "La Domenica del Corriere" 10 gennaio 1981 - PRIMA PARTE



Cercavo questo numero de "La Domenica del Corriere" da un sacco di tempo, essenzialmente per il titolo molto forte, e non mi ero reso conto che un quinto di esso, dato che è un'inchiesta giornalistica di ben 5 articoli distinti, lo avevo trovato nell'artbook "Exhibition Go Nagai", in cui appare la prima parte dal titolo:
"Nella cassaforte degli Ufo 35 miliardi all'anno" - di Daniel Jarach - Domenica del Corriere 10 gennaio 1981 

Come si può leggere sopra quella di Danile Jarach fu una vera e propria inchiesta giornalistica, con tanto di missione nel paese del sol levante ed in California, interviste e foto.
Ok, nella didascalia della foto si individuano in Mazinga, Goldrake e Jeeg gli ufo-robot che Chiaki Imada tiene in mano, mentre, chiaramente, manca Goldrake, ed, invece, c'è il Danguard.
Di castronerie non ce ne sono molte, tante le informazioni azzeccate, però, a mio avviso, l'errore di base fu quello di voler mettere a confronto l'animazione (al risparmio) televisiva giapponese con l'animazione (totale) cinematografica della Disney.
Ovvio che i film della Disney erano animati meglio...
Inoltre i titoli sono inutilmente virulenti, mentre nell'articolo non si nota particolare astio.
In questo primo post inserirò alla fine le scan dell'articolo già linkato sopra, limitandomi solo alle due pagine intere, visto che al link le immagini sono in bianco e nero. E sarebbe un vero peccato non mostrare le foto e i disegni nei bei colori della rivista.
Aggiungerò altri due dei cinque articoli di cui è composta questa inchiesta giornalistica, nella seconda parte posterò gli ultimi due articoli.
Quindi il primo articolo inedito (per me) ha un titolo che è assai cattivello, quanto gli altri due:
Cosa sarà il "computer del mistero"?
E rievocare il "pericolo giallo" non è molto sensato, soprattuto se poi nell'articolo non si demonizza l'animazione nipponica.




Quindi Daniel Jarach fece anche un bel giro negli sutdi d'animazione della Toei Animation, guidato da tal Shuzo Yoshino.


Si inizia con una parte più informativa, senza troppi commenti da parte del giornalista, poi bisogna sempre fidarsi di ciò che venne tradotto e di come venne adattato.
Da notare che il Toshio Katsuta citato era stato spacciato da "La Stampa" come inventore di Goldrake, in una intervista del 12 aprile 1980:
Intervista(?) informativa(?) a Toshio Katsuta, inventore(?) di Goldrake - La Stampa aprile 1980

E' indubbio che, considerando che si era nel 1981, le informazioni non mancavano, e mi sembrano anche corrette (non sono un esperto di animazione materiale), ovviamente c'è il mistero finale!








Il mito dell'uso del computer nei "cartoni animati giapponesi" era così affermato in Italia, che a Jarach pareva fin impossibile che non lo usassero, chissà se il povero Shuzo Yoshino lo portò nella prima sala con due monitor per farlo contento  :]




In questa pagina ci sono alcune interessanti foto scattate durante la visita, a compendio dell'intervista allo staff Toei.



Non sono riuscito a riconoscere la serie...



Neppure ingrandendo il disegno, a me pare più un poster pubblicitario.




Qui è facile riconoscere i personaggi dei "Cyborg 009".



Di nuovo i "Cyborg 009".



Molto bella questa foto, ma quale scena presenta?  O_o




Neanche ingrandendola riesco a capirlo  T_T



Il secondo articolo era più che altro un'anteprima sulle prossime serie che sarebbero arrivate in Italia, cioè, che avrebbero "invaso" la nostra penisola  T_T
Non può mancare il dispetto a Mazinga. Di certo Mazinga Z, mai e poi mai il Grande Mazinga andrebbe in soffitta  ^_^
Direi che, a parte i titoli un po' aggressivi e la questione misteriosa dell'inesistente computer, in totale le notizie date mi paiono corrette.
Comprese le brevissime sinossi delle serie presentate.







Ma è la stessa Maco-chan ?




Ancora non era stata ribattezzata Bia, e devo dire che preferisco Bia  :]






Cavoli, avevano azzeccato anche il titolo, penso americano, de "Le 13 fatiche di Ercolino"!





Forse qui c'è qualche inesattezza sulla novità della serie, dato che era già vecchiotta.




E.T chan telefono casa? ^_^
Ed invece mi pare che arrivò anche ETchan, se non sbaglio, però mi sfugge il titolo italico...






Nel cartone erano dei quindicenni?
Comunque per me erano sempre più grandi della mia età  :]



Anche questa sinossi mi pare corretta, considerandone la stringatezza.



Queste sotto sono le due pagine intere dell'articolo linkato all'inizio, chi vuole leggerlo può andare al link:
"Nella cassaforte degli Ufo 35 miliardi all'anno" - di Daniel Jarach - Domenica del Corriere 10 gennaio 1981






Tutto questo ben di Dio, e quello che posterò nella seconda parte, lo si può trovare in questo numero de "La Domenica del Corriere", dove già in copertina c'è un titolo che annuncia l'inchiesta, e che mi ha permesso di notare la copertina ed acquistare la rivista :]




Seconda ed ultima parte al link sotto:

"Così Goldrake disintegra Topolino", di Daniel Jarach - "La Domenica del Corriere" 10 gennaio 1981 - SECONDA PARTE


4 commenti:

  1. " E.T chan telefono casa? ^_^ Ed invece mi pare che arrivò anche ETchan, se non sbaglio, però mi sfugge il titolo italico... "

    Hela super girl ! Stengo come hai fatto a dimenticarla ;__;

    Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco, l'espressione un po' ebete mi ricordava qualcuno... a mia parziale scusante c'è che non l'ho mai visto, conosco solo la sigla ^_^

      Elimina
  2. Etchan è la nostra Hla supergirl
    https://www.youtube.com/watch?v=_oViesByVOs

    Il cel dei Cyborg 009 è quello del film "la leggenda della supergalassia" edito in dvd da Yamato Video.
    Cmq, pare che gli unici computer che all' epoca dimorassero in Toei erano quelli adibiti alla contabilità.
    Lo strano fondale fantascientifico che sembra un poster potrebbe appartenere a l film di Terra E o quello dei Cyborg, dovrei decidermi a guardarli, un giorno.

    RispondiElimina