CERCA NEL BLOG

martedì 7 ottobre 2014

Atlas Ufo Robot - cartonato Giunti Marzocco aprile 1978


Questo cartonato di Goldrake non è per nulla raro, è facilmente reperibile sia alle fiere del fumetto che sul web, e a prezzi più che normali, quindi perchè lo "onoro" di una recensione?
Parto un po' dai tempi di Carlo Cudega...
Quando leggevo questo libro da bambino mi lasciava una strana sensazione, un dubbio che mi ha attanagliato fino ad oggi... certo, era Goldrake, ma la storia era differente. Il librone argentato della Giunti Marzocco ripercorreva le prima puntate della serie, ma cambiando parecchi particolari, neppure secondari, senza contare che c'erano anche dei nomi sbagliati...
Oggi si potrebbe dare la colpa al pressapochismo di quelle prime (e anche seconde...) pubblicazioni, stampate in fretta e furia allo scopo di cavalcare l'inaspettato successo di Goldrake, in realtà mi sono reso conto grazie ad altro materiale in mio possesso che la storia presentata in questa era, secondo me, di diretta emanazione francese.
Probabilmente ho scoperto l'acqua calda, ma per chi si è sempre lavato con quella fredda è sempre una scoperta piacevole :]
Tralasciando per un momento gli erroi riguardanti nomi e trama, la prima cosa che non mi tornava era la data di pubblicazione di questo cartonato: aprile 1978.


Considerando che la prima puntata italica risale al 4 aprile 1978, mi ha sorpreso che praticamente a fine mese il cartonato Giunti Marzocco era già disponibile nelle librerie.
Poi una strana (delle tante) immagine del libro della Giunti mi ha fatto tornare in mente l'orrendo album di figurine francese di Goldrake: Goldorak - Americana France album 1978.
Dove avevo visto Actarus con la bandana rossa?


Mais oui! Sce sui Catherine Deneuve!


Inoltre nel cartonato Giunti si possono ammirare disegni presi direttamente dai cell dell'anime di fianco a dei veri e propri sgorbi a colori, che paiono ispirarsi ai soggetti disegnati (una parola grossa) per l'album di figurine di Goldorak.
Penso che sia ormai risaputo che Nicoletta Artom (diregente Rai) scoprì Atlas Ufo Robot ad una fiera francese in cui si promuovevano nuovi programmi telelvisivi, e nell'importazione dai cugini francesi prendemmo quasi tutti i nomi dei personaggi, ma in Francia Goldorak fu trasmesso solo nel luglio 1978. Quindi al momento della trasmissione e del successo folgorante di Goldrake era già pronta la versione francese dell'anime, in cui Gandal si chiama Minos e Actarus costruisce Goldrake su ordine di Vega, come si può leggere in questo cartonato.
Quindi quei volponi della Giunti Marzocchi, totalmente incuranti della sanità mentale dell'utilizzatore finale del loro prodotto, ci sbolognarono la trama francese, con l'aggravante che utilizzarono anche gli inquietanti disegni transalpini.
Tanto un bambino è un mezzo rimba, vuoi mai che si renda conto che la trama e i nomi non sono gli stessi del cartone animato che guarda tutti i giorni in televisione?
Io me ne ero accorto! Tante grazie George Powell!
Chi è George Powell? echecacchionesoio? E' il curatore del libro (vedi scan sopra con la data di pubblicazione)
Ritorno all'inizio del cartonato, che in seconda e terza pagina ci mostra il cast della serie, in un disegno preso direttamente dall'anime.





La storia era irricevibile da un bambino italiano perché le differenze con l'edizione francese non erano poche. Si parte subito con l'apprendere che la fattoria "Betulla Bianca" era una copertura dell'Istituto di Ricerche Spaziali, e le due strutture erano ubicate una vicino all'altra, come si può vedere dal disegno della scan dell'album di Goldorak.


 Inizio del cartonato Giunti




Poi uno gira pagina e non ritrovi lo stesso nome che usarono i francesi, ranch della Betulla Bianca, ma "Rocket-Ranch", e ti chiedi cosa hai visto nelle ultime settimane in tv...



Questa sotto è sempre una scan dell'album di Goldorak, è palese che parte dei disegni siano stati usati almeno come ispirazione per il cartonato, e questa cosa si ripete per tutto il libro.


 Cartonato Giunti





Rigel e Procton diventano comproprietari del Rocket Ranch!



Questo, direi, è un disegno originale.



Fa la sua comparsa anche Banta, che nella prima puntata mai si vede, ma è solo allo scopo di introdurre un personaggio che tornerà utile più avanti.



Ho inserito questa scan per una frase che pare molto attuale, e che immagino quando la lessi nel 1978 non mi disse nulla.
Alcor e Procton stanno disquisendo se gli alieni siano ostili o meno, e Procton dice ad Alcor, che è convinto della bonta degli extraterrestri: "Pensi che il nostro paese possa intraprendere una politica di apertura verso gli spaziali?".
Pare una discussione sulla situazione in Medio Oriente.





Dato che per i francesi la fattoria ed il laboratorio erano contigui, il dialogo tra Actarus, Alcor e Procton, in cui il primo annuncia l'invasione di Vega (a causa della Luna rossa), avviene nella fattoria, non nel Centro Ricerche Spaziali, come si vede nell'anime.



Actarus, a differenza di come lo conoscevamo noi, parla con Goldrake, lo incita: "Forza Goldrake, andiamo a lavoro!".



Il combattimento con il mostro spaziale dura due righe.




Gandal diventa il principe Minos, come mi pare sia nella versione francese: Goldorak Wikipedia.








La base segreta di Goldrake diventa una caverna, dove Alcor segue sospettoso Actarus.





Alcor scopre l'identità segreta di Actarus perchè Rigel ha rubato il TFO, e Actarus lo fa atterrare coi comandi teleguidati.





Qui si racconta di come Actarus, due anni prima, costruì Goldrake su ordine di Vega dopo essere stato catturato. Anche questa parte mandava il cervellino di ogni bambino in un bel corto circuito: ma quando l'avevano detto in tv?!




Actarus definisce Goldrake un robot-samurai, ed enuncia tutta una serie di armi inventate... ma almeno le armi potevano scriverle giuste?







Altri nomi a caso di armi.



Di colpo Mizar, che era all'oscuro di tutto, spiega ad Alcor la situazione in battaglia.








Vega, con qualche puntata di anticipo, si reca sulla Luna.




Imperversa la battaglia, ed il TFO finisce abbattuto, strano... specialmente perché, rispetto all'anime, al TFO viene dato in dotazione un "cannoncino (alla crema?) laser". Poi Goldrake va direttamente sulla Luna, e poi ritorna perchè la base e la fattoria sono state attaccate.











Questa sootto è un'altra scan dell'album di Goldorak, direi che assomiglia parecchio ai disegni sotto.







Qui scopriamo altri super poteri di Actarsu, può comandare Goldrake col pensiero, senza pilotarlo dalla cabina di guida. 







Alcor viene catturato dai soldati di Vega quando è appena uscito dal Centro di Ricerche Spaziali, con lui sono rapiti anche Venusia e Banta, guarda caso come nel solito album di Goldorak (scan appena sotto). Infatti Hydargos intima a Procton di mandare Goldrake sulla Luna ad arrendersi a loro, altrimenti ucciderà i tre ostaggi.





Cartonato Giunti.



La prima scan sotto è dell'album di Goldorak, il disegno in basso mostra la medesima scena del cartonato Giunti.


Cartonato Giunti.



Questa immagine è la stessa usata per la confezione del gioco in scatola di Atlas Ufo Robot Goldrake.




Il disegno in basso a destra dell'album di Goldorak mostra la stessa scena del cartonato Giunti, disegnata un po' meglio.





 Cartonato Giunti.




 Alcor si muove indisturbato sul suolo lunare, come nell'album di Goldorak.




Gli alieni progettano di usare Venusia ed il messicano come scudi umani per fuggire, ma Banta non è messicano, è giapponese! Peccato che i francesi, a differenza nostra, fecero un'opera minuziosa di delocalizzazione, in pieno stile Fininvest.




Goldrake combatte con "l'auto-comando", mentre Actarus si scontra sul suolo lunare con i soldati di Vega. Inoltre scopriamo l'ennesimo sconosciuto super potere del principe di Fleed: il radar cerebrale!



Venusia abbraccia con assoluta imparzialità Alcor ed Actarus... avevano paura che noi bimbi pensassimo che la ragazza provava dei sentimenti?






 Alla fine Minos/Gandal fugge, e non potrà regnare la pace nei cieli... amen!



2 commenti:

  1. Complimenti! Bellissima e dettagliatissima recensione! Volevo fare una domanda: posseggo un libro Giunti Marzocco del 1978 intitolato "Atlas UFO robot - UFO contro la terra", presente anche nella tua recensione, ma sia la copertina che le restanti avventure non sono presenti nel mio albo, che presenta inoltre una copertina differente. La mia domanda è la seguente: la tua recensione si basa su più libri di Atlas UFO robot oppure è incentrata su un volume solo, quello della copertina che hai postato? In tal caso, la mia è una versione "a capitoli separati": quali mi mancano?
    Grazie e complimenti ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le storie presenti sono solo quelle di questo volume.
      Non so dirti nel dettaglio cosa manchi nel tuo volume, perché non li ho tutti ;)
      Grazie del gentile apprezzamento ^_^

      Elimina