CERCA NEL BLOG

lunedì 27 marzo 2017

"Julie rosa di bosco" (1979) - Puntate 7 e 8


Ho notato, forse per non apparire più coerente dei contenuti della serie, che il titolo dato ad ogni DVD non sempre rende bene cosa ci si possa aspettare nelle due puntate mostrate. Per esempio io questo DVD degli episodi 7 e 8 lo avrei intitolato "Un problema che si risolve", oppure "Una grande Famiglia", magari anche "Fragile", ma questo è un altro discorso... invece "Un'unione che si incrina" proprio non l'ho capito come titolo. Probabilmente si riferisce al tentativo del maestro di musica di broccolare la vicina di casa di Julie, la vedova con la figlia piccola a carico, ma il due di picche ricevuto dall'aitante giovanotte capita solo nella settima puntata, e comunque i due non è che si frequentassero da anni o mesi, quindi, quale unione?
Mentre in entrambe le puntate ritornano le vicende che sta vivendo Carl, lo zio di Julie, infortunatosi a lavoro poco dopo esser stato licenziato.
Ma non mi pare giusto spoilerare tutto il DVD, ergo bando alle ciance e lascio spazio alla sinossi per immagine di altre due puntate della serie ad animazione stentata "Julie rosa di bosco". Mi limiterò solo ad anticipare che no, la settima puntata non avrà nessun nesso con il finale della sesta.
No, la sfida canora lanciata da Julie a Carolina non avrà sviluppi, almeno non in questo quarto DVD.
Come di consueto inizio con il meraviglioso incipit presente in ogni episodio, che ci introduce perfettamente a quello che dovremo subire  :]


          


Come sta lo zio Carl?
E troverà un altro posto di lavoro?
Una delle caratteristiche che tutti noi apprezzammo negli anime furono le stupende BGM, musiche che si adattavano perfettamente alla serie e ad ogni momento specifico che vedevamo accadare. Musiche così belle che a distanza di decenni molti le hanno tenute memorizzate da qualche parte nel proprio cervello, in attesa che quei ricordi musicali tornassero vivi.
Con "Julie rosa di Bosco" non c'è nulla da ricordare, in quanto le classiche BGM di ogni serie nipponica vennero sostituite da pezzi sinfonici, un bel risparmio per i produttori della serie.
La puntata inizia con la romanza in fa maggiore opera 50 di Beethoven, tanto per rendere l'idea è la stessa che ascoltavano in sottofondo nella pubblicità della "Vecchia Romagna Etichetta Nera", il brandy che crea un'atmosfera!  ^_^


Il medico ha autorizzato lo zio Carlo a togliersi la benda, è guarito!


Tutto questo dramma per un cerottino sulla fronte?
Cosa non si fa per racimolare qualche soldo dall'assicurazione...


Carl torna subito a lavoro, ma il padrone non l'aveva licenziato?
Ecco la battuta di Carl:
"A proposito, sarà meglio avvisare il padrone del mio rientro, altrimenti mi toglierà un altro giorno di paga".
Ma come?! Rientri in fabbrica senza avvisare il proprietario, che per giunta ti aveva licenziato?!


Carl mentre insegna il lavoro di mastro vetraio al figlio, che quindi è un lavoratore alle prime armi.


E infatti ricordavo bene, il padrone l'aveva licenziato, ma gli offre la possibilità di fare il guardiano notturno. Carl offeso rinuncia... ma sei scemo?!  O_o
Da valutare quale senso abbia licenziare un artigiano esperto per tenere il figlio inesperto...


Questa, in realtà, sarebbe la serata di una festa in casa Klemen, ma Carl è in birreria ad ubriacarsi.
(dietro c'è la vicina di casa dei Klemen, quella con cui ci proverà il maestro di musica)


Dov'è il babbo?


Julie e Tania, accompagnati dal maestro di musica, trovano lo zio Carl direttametne in birreria  >_<


Il primo tentativo del maestro di musica, inutile dire che nell'economia della serie l'approccio tra i due non ha nessun valore.
Sono passati circa 12 minuti, e praticamente non è successo niente...


Julie, appreso che lo zio è rimasto senza lavoro, si sente un peso per i Klemen, è così giù di morale che al minuto 15 arriva Alan per portarla a cavalcare... in sottofondo la sesta di Beethoven  ^_^


Cavalcano... e poi cavalcano... e poi cavalcano, durata della cavalcata ben un minuto e 30 secondi.


La cavalcata non è stata infruttuosa, apprendiamo che i disegnatori avevano qualche problema con le proporzioni bambina/cavallo.
Infatti qui sembra che Julie sia in groppa ad un puledro.


Mentre qui il cavallo è molto più possente  >_<


Poteva mancare la simpatica Carolina?
La simil Iriza le chiede come lei possa divertirsi a cavallo sapendo che lo zio, che la mantiene, ha perso il lavoro, facendole altresì notare che è solamente un peso per la famglia Klement.



Julie non la prende bene, e va un po' in depressione, che poi Carolina non è che avesse tutti i torti... ma il buon Alan la rallegra portandola alla "Scuola di equitazione spagnola", grazie a questa idea del ragazzo possiamo ammirare un altro stupendo filmato dal vivo!


Tralasciando l'effetto un po' kitsch che le immagini dal vivo possono avere all'interno di un anime, all'inzio si notano un cavallo e cavaliere rotanti, può mai essere che esistessero nel 1918?  O_o
Un anacronismo rotante?
Magari qualcuno potrebbe dirmi se quella statua rotante esiste ancora, e nel caso quando fu posizionata, solo per curiosità  :]

         

Di ritorno dalla "Scuola di equitazione spagnola", Julie ed Alan assistono al due di picche che la vedova rifila al maestro di musica.
Julie decide di rallegrare il respinto con una bella cavalcata!


I tre finiscono sulle sponde del Danubio ad osservare il tramonto.
Impagabile la qualità dell'animazione quando ci viene mostrata Julie che esce fuori dalle spighe di grano, o qualsiasi cosa siano  :]
In pratica Julie squarcia il grano  ^_^


Ottava puntata!!!!


Tralascio ogni commento sulle prime scene perché sono veramente insignificanti...
Alan compare da dietro un pupazzo di neve(!) e spaventa Julie(!!), chiedendole se vuole fare una cavalcata con lui, ancora?!?!  >_< 
Questo ragazzo ha un chiodo fisso!
Ma avrà montato gli zoccoli da neve?


La cavalcata viene messa da parte, il discorso si sposta sullo zio di Julie, al ragazzo viene in mente un'idea per cercare di farlo riassumere.
Quella sera a casa sua si terrà una festa (strano...) a cui parteciperà nientepopòdimenoche il grande economista Zalaka! Sticaxxi!!!
Guarda caso l'esimio antesignano di Soros è un avido collezionista di opere in vetro soffiato.
Julie dovrà dargli il pezzo più bello creato dallo zio Carl, in questo modo lui glielo mostrerà, e di certo ne rimarrà conquistato.


Julie prende, di nascosto, un piatto molto pregiato fatto dallo zio, che gli aveva permesso di vincere un sacco di premi.



Potrà mai filare tutto liscio?
Julie si sente invocare da Henrich, che si è rifiugiato su un lampione per sfuggire ad un cane feroce.
La ragazza riesce ad attirare l'attenzione del canide, che inizia a correrle dietro.


Lei cade, ovviamente.


Ed ancora più ovviamente il piatto si rompre (solo in due?!)...



Alana non si perde d'animo, cercherà un modo per farglielo apprezzare lo stesso.


Ecco il grande economista Zalaka!


Magari di economia non capira un tubo, un po' come tutti gli economisti... però di vetro soffiato...


Quella vecchia volpe di Alan dice a Zalaka dove lavora l'artigiano che ha creato quel piatto, omettendo che è stato licenziato.


Il padrone è tutto contento che il ricchissimo economista voglia far compere da lui.


Cambia espressione quando sente che Zalaka vuole un set fatto da Carl Klemen...


"Eh, ma l'ho licenziato!"

"Allora niente, tanti saluti..."


Il padrone cambia idea seduta stante, promettendo a Zalaka che riassumerà Carl Klemen.


Il momento in cui i due ragazzi vengono a sapere che il loro piano ha avuto buon esito.


Se non che lo zio Carl è molto orgoglioso, o orgoglione, e rifiuta la riassunzione...


Il padrone non la prende bene, e se ne va da casa dei Klemen.


Ma dopo un micro secondo torna indietro e si mette a pregarlo in ginocchio, tipica postura che abbiamo visto in un sacco di anime ambientati in Giappone, tirando fuori argomentazioni riguardanti la parola d'onore etc etc
Lo zio Carl in versione nipponica accetta di tornare al suo vecchio posto...


... per farsi le canne e...


... soffiare palloncini...


... molare bicchieri  :]


Risultato finale!!



Un bel lieto fine!


Julie porta lo stufato tirolese incandescente senza usare le presine  :]


Arriva anche il vecchio  "OS KA", come recita l'insegna del suo negozio, è proprio una festa!
C'è pure lo scoiattolo sul tavolo, che schifo...



Peccato che la zia Clara abbia la bella idea di chiedere a Julie di andare a prenderle il pregiatissimo piatto dello zio...



Julie non ci pensa due volte, va direttamente a fare le valigie per tornarsene in Tirolo, evviva!!!




Ma arriva Alan! (questo non si fa mai i cacchi suoi?)
Il ragazzo si addossa la colpa per la rottura del piatto, ma alla fine la verità emerge.






Mi pare di aver notato che il tavolo di casa Klemen abbia una qualche dote magica, si modifica in base al numero dei partecipanti alla tavolata, molto comodo  :]
Alla prossime due puntate  T_T





2 commenti:

  1. E' un po' meno riciclaticcia del solito, l'animazione, o sbaglio?
    Il tavolo... avrà gli inserti allungabili^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevi dire la non-animazione? :]

      Elimina