CERCA NEL BLOG

giovedì 13 ottobre 2016

Catalogo giocattoli Mattel - Natale 1979 (tra cui: "Shogun, gli invincibili difensori della Terra")



Nel Natale del 1979 la Mattel ci propinava gli "Shogun", pare non ancora "Warriors", tra cui ovviamente spiccava Goldrake, venduto assieme ad altri robot in parte sconosciuti, come Raydeen, che forse arriverà solo in questo 2016 (o 2017) grazie alla Yamato Video. Solo con quasi 40 anni di ritardo  :]
Per fortuna delle finanze dei miei genitori queste versioni jumbo plasticose dalle mie parti non arrivarono mai, mentre, invece, riuscì ad accaparrarmi un paio dei modellini più piccoli in metallo pressofuso. Per la precisione il Getta Rygar e il Grande Mazinga da 13 cm, li ho ancora, seppur un po' distrutti dopo infinite battaglie  :]
Parte dei nomi non sono quelli corretti, ad essere pignoli neppure Goldrake lo era  :]  penso, però, di aver capito da dove saltò fuori il "Dragun" affibbiato al Getta Dragon" presente in un articolo di Topolino 1273 del 20 aprile 1980 ("Mazinga, Dragun, Goldrake").
E' indubbio che queste versioni jumbo dei robottoni dovevano avere un appeal particolarmente potente, direttamente proporzionale alla loro grandezza :] e devo dire che la doppia pagina che gli dedica questo catalogo Mattel ne esalta l'attrattiva.
Purtroppo le pagine dedicate ai robottoni sono solo quattro, a cui va aggiunta la pagina con il gioco in scatola di Goldrake, però bisogna considerare che questi articoli trovavano posto tra due divi della Mattel: Barbie e Big Jim



Anche il nome del Combattler V fu modificato, in Combatra, però tranne questo, che nel 1979 non era ancora stato trasmesso dalle tv italiche, tutti gli altri erano robottoni ben conosciuti da noi bambini, ergo desiderabili per Natale.



Dato che non sapevo a quale serie appartenessero il Vertilift ed il Varitank ho fatto qualche ricerca, e ho scoperto che entrambi erano presenti nel telefilm "Himitsu Sentai Goranger", mai arrivato da noi.
Le solite americanate  :]
Beh, invece il Solar Soucer sappiamo bene di chi fosse.







Su Youtube ho trovato un paio di video pubblcitari degli Shogun Warriors, uno americano, che non mi permette di inserirlo direttamente nel blog, l'altro, molto più bello, giapponese.

Shogun Warrior 1976 Commercial


       



In realtà le prime 10 pagine del catalogo erano riservate a sua signoria Barbie... i commenti sono molto suggestivi  :]
Ma come si fa a giocare con una roba che è più alta di te?  >_<


Ed io che credevo che il povero Ken andasse sempre in bianco!
Premevi la schiena e la testa di Barbie si portraeva in avanti?
Ma si "protraeva" oppure si piegava?
Usava la lingua?
Si spingeva oltre?
La Mattel non svelò mai tutti questi piccanti segreti intimi di Barbie, ma il fatto che Ken fosse semrpe così servizievole potrebbe rivelarci molte cose  ^_^







Come fa a stare comoda una che non può piegare neppure le ginocchia?  O_o



Minkia... 195 mila lire... in euro sarebbe un bel prezzo anche oggi.
Big Jim si limitava a sterminarli gli animali, non li indossava...



Si nota che nel 1979 la sensibilità animalista non aveva ancora fatto breccia nel cuore e nel portafoglio della Mattel.


La profumeria e la cassaforte di Barbie mi pare mancassero alla mia galleria degli orrori, ma dopo che hai speso 195 mila lire per la villa di Barbie, cosa ci metti in cassaforte?  T_T



Per fortuna la parte di Barbie è finita...



Secondo me il "Lancia aerei Mattel" lanciò un sacco di fratelli e sorelle al pronto soccorso  :]


Chi volesse può leggere la rece del deludente gioco in scatola di "Atlas Ufo Robot - Goldrake all'attacco".



Oggi forse non è comprensibile, ma il Big Jim era veramente un mito, e non era un "bambolotto", come qualcuno ha l'ardire di chiamarlo... io mica giocavo coi bambolotti...  >_<
Ma vogliamo paragonare le stupende ed evocative descrizioni dei giochi di Big Jim con le ridicole panzane scritte per la Barbie?







Penso che questa serie di articoli del west e dei pirati stessero quasi per essere messe fuori produzione, erano presenti sempre nei cataloghi degli anni 70, mi pare che scomparvero con gli anni 80.



Se lo diceva Tardelli ci si poteva fidare!  ^_^


Mi auto cito  :]

Mattel's Auto Race - 1977

Mattel's Soccer - 1978 (serie Handheld Games)







40 commenti:

  1. A Natale di quell'anno mi regalarono il Gaiking, robot che allora non conoscevo ancora. Volevo il Goldrake, ma la zia non riuscì a trovarlo in nessun negozio. La mia infanzia ne restò segnata in modo indelebile :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa cosa per me, i giocattoli non mi mancarono mai, ma non ebbi neppure un robot di Goldrake... forse è per questo che faccio la GNRC? >_<

      Elimina
    2. Io invece per quel Natale avevo ricevuto uno spettacolare e meraviglioso robot che si trasformava anche in aereo e carroarmato... Non sapevo come si chiamasse, l'unico carattere occidentale sulla scatola era un 3... Ma era stra-figo.
      Che emozione quando uno o due anni dopo ho scoperto che esisteva anche il cartone animato!

      Invece il Goldrake Jumbo devo averlo avuto (non so se nella versione originale o l'altra), ma non mi ha mai garbato particolarmente: era troppo diverso dal cartone. L'ho sempre percepito come appunto un tarocco.

      Elimina
    3. Ho scritto "spettacolare e meraviglioso robot" e "stra-figo": non sai leggere???

      Elimina
  2. Ciao Stengo, non recensisci piu' la GNRC?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La recensisco, la recensisco, se esce...
      Alla mia edicola il numero di Mucha non è ancora uscito. Settimana scorsa è slittato per tutti di una settimana, ergo penso che anche lo speciale di questa settimana passi alla prossima, ma Mucha proprio non è ancora arrivato.

      Elimina
  3. Allora Big Jim 007, Sandokan e Capitan qualcosa ancora li ho. Del Goldrake Jumbo mi è rimasta solo la mano sparante con i missili e la scatola mentre i tre Jetta in metallo il Gaiking ed il Goldrake che esce dallo spaizer li ho messi in vetrina insieme alla terra azzurra, izemborg, Daitarn 3, match patrol etc (devo ringraziare la mia nonnetta che oltre comprarmeli me li ha poi anche conservati)

    RispondiElimina
  4. A comprarli oggi gli Shogun Jumbo costano quasi come le Ferrari... :(
    Del pericolosissimo Lanciaerei Mattel oltre alla versione portaerei esisteva anche quella "Galactica" (e chissà quante altre):

    https://www.youtube.com/watch?v=1G6zq3zpf7w

    Mucha e Genko (purtroppo) sembra che per ora non usciranno. Si può solo sperare che li recuperino in futuro:

    http://www.giocattolivecchi.com/Forum_detail.aspx?t=0&id_d=1440990

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mucha è uscita, Genko slitterà, penso di molto.

      Elimina
  5. Comunque la cassaforte della Barbie non era male (ce l'avrebbe avuta mia sorella qualche anno dopo). Il problema era che non c'era la possibilità di incassarla in qualche parete...

    RispondiElimina
  6. [Sì, lo so, è una vita che ti devo scrivere un'email...]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non rammento male ti avevo inviato la mia mail tramite FFZmail del forum. Controlla lì ;)

      Elimina
    2. Infatti. Ma la bozza di mail è ancora lì.
      Sappi comunque che ti seguo sempre.

      Elimina
    3. Agente segreto piduista? O_o

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops, ho sbagliato il luogo della risposta. Sorry.

      Elimina
  8. Io ho ancora lo shogun Goldrake anche se mancano i missili e le alabarde :)
    A Lucca mi hanno offerto 150 euro ma non me ne separerei nemmeno per 1500!!! (Il prezzo della follia) :)))

    RispondiElimina
  9. Questo tuo disprezzo per la Barbie mi ferisce! :'(
    Certo che le piega le ginocchia (almeno all'epoca sì, non so come le facciano adesso)! >.<
    La casa a tre piani era il sogno proibito di tantissime bambine (me compresa, sigh) però avevo un discreto numero di bambole... senzatetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piegava le ginocchia?
      Io ricordavo di no :]
      Per contratto devo denigrare Barbie ed esaltare Big Jim ;)

      Elimina
  10. Si barbie e ken piegavano le ginocchia ma non quanto big jim perché la gamba era in un pezzo solo ed il movimento avveniva per mezzo di una rotella interna. Il 79 mi portò i miei primi di questi giocattoli, il fuoristrada a santa lucia e big jim a natale. Ti sono così grato per questi post da... perdonarti di bastonare la povera barbie ;-) Emil

    RispondiElimina
  11. Considera che, se non ci fosse stata lei non ci sarebbe stato nemmeno big jim, in quanto la mattel voleva replicarne il successo presso i maschietti sfruttando le sinergie produttive. È opinione condivisa che per qualità, perfezione costruttiva e verosimiglianza sia stato il migliore bambolotto d azione. Mi piaceva il fatto che, snodato e un po piu piccolo, entrava più agevolmente di barbie e c nei loro vari veicoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche dal male (Barbie) può nascere il bene (Big Jim) ^_^

      Elimina
  12. Quante cose piano piano mi tornano in mente ! Per rendere più abbordabile la villa, se ne commercializzava anche la versione senza mobili ed in seguito anche la villetta, sempre non ammobiliata, formata in pratica dalle sole due ali laterali della villa unite tra loro. La riuscita forma della villa riprende le belle abitazioni unifamiliari di quel periodo, in cui il lineare tetto in cemento con le sue inclinazioni e le sue aperture fa lo stile della casa.
    Per tornare al nostro amico Big Jim, tanto era corretto che le belve manco le uccideva, infatti tutti i set erano dedicati alla cattura . E negli svariati testi delle pubblicita si precisava che mentre dr Steel li voleva uccidere, BJ e compagni miravano a catturarli. Che bravo ragazzo !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto per postare il catalogo Mattel del 1980 ;)

      Elimina
  13. Grande!! E come scordare la Porsche radiocomandata ? Ben fatta e dal comando sensibilissimo ma non si riusciva a farla andare bene diritta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è la mission del blog ^_^
      Se alla fine del commento tu mettessi almeno una iniziale, potrei capire se lo scritto è sempre della medesima persona ;)

      Elimina
    2. Hai ragione Stengo, anche perché ho commentato altri tuoi post sei un grande ! Sono troppo vecchio per usare bene questi nuovi mezzi. EMIL

      Elimina
    3. Beh, nuovi... i blog ormai sono vecchiotti :]

      Elimina
  14. Io il Mattel soccer e il classico big Jim regalatomi da mia mamma. Ovviamente mi sono sbarazzato di tutto anche se me ne pento in quanto cari ricordi. Certo allora ci si accontentava di poco. Penso che sé oggi io regalassi a un bambino di 6/7/8 anni oggetti del genere andrebbe subito a buttarli nella spazzatura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque alcuni di questi giocattoli erano carucci, la cosa buona della mMttel è che metteva i prezzi ;)

      Elimina
  15. Io invece i molti giocattoli di big jim e il castello dei masters li avevo ceduti per pochi soldini al figlio del collega di mio papà, che ha otto anni meno di me. Considerato che erano usati e in alternativa sarebbero finiti nella spazzatura mi è parsa una buona occasione. Sono sopravvissuti in un sacchetto che c' e' ancora in soffitta da mia mamma barbie tanti baci ken e big jim cap laser tutti ..decapitati, più alcuni accessori piccoli e capi di vestiario. Il problema di conservare questi giocattoli e' che erano molto voluminosi. E stupendi proprio per questo. Un saluto Emil

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io i Big Jim li barattai con uno scatolone di Topolino.

      Elimina
  16. Ottimo affare stengo oggi i vecchi Topolino valgono :-) emil

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mica tanto, perché in seguito quei Topolino li buttai via...

      Elimina