CERCA NEL BLOG

mercoledì 24 dicembre 2014

Tyco Super Turbo Formula 1 - Le auto più veloci del mondo



Visto che è Natale (ed è cominciato veramente bene...) mi pare giusto inserire una rece di un must degli anni 70 e 80: la pista delle macchinine.
Personalmente non conoscevo la Tyco, che ipotizzo in Italia venisse ditribuita dalla Arcofalc, ho sempre giocato solo con piste Polistil, questo articolo mi è stato regalato, proprio per questo Natale, da un amico che l'aveva in box: ed è veramente bellissima.
Si vede che è un articolo molto più professionale delle controparte Polistil, la scala delle macchinine è più piccola, ma la velocità sulla pista rispetto alla casa italiana mi pare, a memoria, più alta, ed anche la tenuta sulla pista è maggiore.
La lunghezza totale è smisurata, questo modello prevedeva uno sviluppo di 12 metri, un vero spettacolo per gli occhi, senza contare il divertimento a montarla.
Sulla Tyco Toys non ho trovato notizie in italiano, solo in lingua inglese: Wikipedia.
Pur con il mio limitato inglese non ho trovato notizie della collaborazione Tyco/Arcofalc, ho solo scovato un sito di un appassionato che presenta questo stesso articolo, http://www.trackhobbies.com (lo si trova verso la fine), ma senza nessuna informazione aggiuntiva, mentre è più dettagliata la parte riguardante le macchinine: http://www.trackhobbies.com/Tyco .
Nei cataloghi di giocattoli in mio possesso non ho nessuna pista elettrica della Arcofalc o della Tyco, quindi ipotizzo che la pista fosse stata messa in commercio non prima del 1983, visto che sulla confezione è riportata una legge sui giocattoli del 1983.
La scatola misura 78 cm per 56 cm, e quando la si apre il contenuto si dimostra molto sostanzioso, contenuto che risulta completo.




Ma la pista fungica?


      


Takaya, riprova...

     



Altri particolari del coperchio.








La scatola è completa.





 Qualche foto del contenuto.




E' presente un contagiri meccanico, c'è da dire che la Polistil ne aveva uno elettronoco già da qualche anno, quello meccanico lo avevano dismesso già nel 1979, mi pare.



Il "Turboboost" serve per decidere a quale velocità utilizzare la pista, in modalità più tranquilla, oppure in modalità "alzati e vai a rimettere in pista la macchinina volata fuori".




La rossa 27 deve aver cozzato contro qualche altra auto, se fosse di anni più recenti addosserei la colpa a Barrichello...






Non c'è dubbio che le macchinine sono più rifinite, considerando la minore grandezza rispetto a quelle Polistil.
La Louts Honda 12 era di Senna?






 Le istruzioni si limitano ad un foglio fronte/retro scritto in carattere microscopico.








 Rammento con molto disappunto che la necessità di tenere puliti i binari della pista esisteva anche con la Sorpasser della Polistil, altrimenti i sorpassi diventavano problematici, oltre che lenti.







I pilastri per tenere solevata la pista.



 Il "controller" è esteticamente un po' deludente.


 Le auto a disposizione son sette, cinque in più di quelle in dotazione.


 Le auto Polistil per stabilire il contatto tra la macchinina e i binari avevano una treccia in rame, che un po' alla volta si consumava, la Tyco, invece, usava delle lamelle in rame, probabilmente con una maggiore conducibilità.







 Sono presenti anche alcuni pezzi di ricambio, compresi molte lamelle in rame.


13 commenti:

  1. Io direi che la pista potrebbe essere dell'84/85.
    Senna guidava per la Toleman dall'81 all'85; dovrebbe essere l'auto bianca blu e gialla.
    La Ferrari dovrebbe essere la 126 c4 dell'84 di Alboreto.
    La McLaren la mp4/2 di Lauda o Prost ma potrebbe anche essere mp4/2b dell'85 ...anche se non mi pare montasse motori Honda al tempo. E comunque il colore è arancio non rosso :P
    La Lotus dovrebbe essere il modello 80, una Lotus gialla non si può vedere -_-

    Bella pista comunque anche se hanno fatto un discreto lavoro 'frankestein' con le monoposto. Mi sa che non avevano nessuno licenza come, invece, aveva la Polistil

    RispondiElimina
  2. Scusa ho visto adesso che c'è anche una Benetton quindi direi 85...ma ma se c'è la Benetton non può esserci la Toleman dato che è stata acquisita proprio nell'85 dalla ... Benetton o_O

    Che casino!!! Ho visto adesso che la Tyco faceva 'trenini' tipo la nostra Lima e poi è stata comprata dalla Mattel. Adesso si spiega tutto: gli americani di Formula 1 non capiscono nulla, per loro c'è solo la Formula Indy hihihi!

    Direi comunque che la loro produzione è di alto livello (più di Polistil sicuramente) anche perché producevano modellini di treni elettrici per collezionisti da quel che ho letto.

    RispondiElimina
  3. Grazie delle info, anch'io più o meno era arrivato ad ipotizzare quella data, ma non essendo un gran esperto di F1 mi son limitato alla data della legge presente sulla scatola ;)

    RispondiElimina
  4. Ne possedevo una anche io, con la Ferrari e la Benetton, regalatami credo a natale 1990. Se dovessi vendere dun domani la Turbo Boost fammi sapere!
    igors2r@hotmail.it

    RispondiElimina
  5. Ciao, io ho la stessa pista ma sono rimasto con una sola macchina funzionante, l'altra non riesco più a ritrovarla. Volevo provare a cercarne qualcuna su internet, mi chiedevo se riuscivi a darmi qualche riferimento su dove e cosa acquistare. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possono proprio aiutarti, non sono per nulla esperto in merito. Ho solo messo la rece di una pista :]

      Elimina
  6. io ho una pista tyco Lamborghini tutta completa e funzionante.valore??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possono proprio aiutarti, non sono per nulla esperto in merito. Ho solo messo la rece di una pista :]

      Elimina
  7. è completa di tutto anke del libretto illustrativo di tutte le piste e dei pezzi che si potevano ordinare.scatola anke in perfette condizioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possono proprio aiutarti, non sono per nulla esperto in merito. Ho solo messo la rece di una pista :]

      Elimina
  8. Ciao, io l'ho presa verso il 1990 pagata 134.900 lire, c'è ancora il prezzo. Ora la sto rimettendo in funzione, inserendola in un plastico con un'espansione, un'altra pista uguale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo... Commercializata prima da arcofalc e poi acquisita da mattel, diventa mattel Tyco e poi hotwheels. I ricambi auto si trovano anche come hotwheels

      Elimina